Cronaca
Commenta

Deliberata in Giunta l'istituzione
di nuove aree pedonali

Nella giornata di oggi, mercoledì 14 aprile, in Giunta è stato deliberato di aggiungere altre aree pedonali oltre quelle già presenti in città, in cui sarà possibile circolare liberamente senza la presenza di veicoli e questo, secondo il sindaco Gianluca Galimberti, “rappresenta un passo ulteriore verso l’idea di città a misura d’uomo che riteniamo Cremona sia e debba sempre più diventare”.

Dopo le sperimentazioni avvenute negli ultimi anni e alla luce dei positivi risultati di quanto realizzato in questi mesi, diventerà innanzitutto pedonale un tratto di via Ticino. Sarà inoltre pedonalizzata via Aldo Protti, considerata la conformazione della strada ed anche in previsione di una chiusura all’altezza di via Bissolati per preservare il comparto del nuovo polo universitario e la ciclabilità verso il centro. E’ stato poi deciso di classificare come area pedonale piazzetta Mario Coppetti in quanto inserita in un ambito specifico costituito da via Palestro, via Goito e corso Garibaldi.

Il tratto di via Ticino, compreso tra il civico 33 e via Oglio, diventa così pedonale in via permanente, come peraltro richiesto dal Comitato dei genitori: con la preclusione al traffico si amplia l’area pedonale nelle vicinanze del plesso scolastico che si affaccia su questa strada così da garantirne una più sicura viabilità e la fruizione da parte degli utenti deboli.

Via Ticino, diventando così la “strada dei bambini”, acquisisce un valore aggiunto come luogo dove le alunne e gli alunni che frequentano la scuola infanzia Agazzi, anche in collaborazione con la vicina scuola primaria Monteverdi, potranno svolgere, insieme ai loro genitori, ai residenti del quartiere e con le realtà associative della zona, attività di carattere ludico e didattico in sicurezza. Tale progettazione, iniziata in via sperimentale con la chiusura della via in orario scolastico, poi ampliata fino alle ore 16 il martedì e il giovedì, ora può compiere un ulteriore salto di qualità che permetterà di realizzare nuove e coinvolgenti iniziative.

Nel frattempo le insegnanti, le bambine e i bambine della scuola infanzia Agazzi, insieme ai genitori, stanno proseguendo le attività di cura e abbellimento di via Ticino, attività iniziate negli anni scorsi con interventi di rigenerazione urbana, quali, ad esempio, la vestizione degli alberi con yarn bombing, la decorazione con pannelli delle cancellate della scuola Monteverdi e della stessa Agazzi grazie al supporto di writers e in collaborazione con il Centro Quartieri Beni Comuni.

“Via Ticino, che ha visto tante iniziative della scuola, con protagonisti i ragazzi, maestre e famiglie, potrà ospitarle ancora nei prossimi mesi e anni, perché davvero la scuola e chi la vive è centrale e anima in un quartiere” commenta il sindaco Gianluca Galimberti. “Ma anche tutti coloro che sfruttano la palestra presso la scuola Monteverdi si potranno muovere senza la presenza delle auto. Piccolo grande segno che pone al centro l’ambiente, la scuola e le relazioni”.

“Questa Amministrazione ha posto al centro dell’attenzione il rapporto tra scuola e territorio, il riconoscimento della scuola come bene comune di cui prendersi cura e l’attenzione al tema dell’infanzia come parametro di vivibilità per tutti” ommentano l’assessore Simona Pasquali e l’assessore all’Istruzione Maura Ruggeri. “Le iniziative messe in campo negli ultimi anni al quartiere Po, ma non solo, ne sono un esempio. Altrettanta importanza riveste la sicurezza nei pressi delle scuole. La pedonalizzazione di un tratto di via Ticino rientra infatti nell’operazione ben più ampia di ridurre il traffico e l’inquinamento nei pressi delle scuole e rappresenta un’azione che contribuisce al benessere della comunità”.

© Riproduzione riservata
Commenti