Cronaca
Commenta

Circuito di educazione stradale
Partita la raccolta fondi

Un esempio di circuito di educazione stradale realizzato a Mestre

Prende il via una speciale campagna di raccolta fondi per realizzare nel parco Sartori il circuito destinato all’eduzione stradale dei giovanissimi. Un’iniziativa lanciata ormai qualche tempo fa dal Lions Club Il Torrazzo, appoggiata da tutti i Lions Cremonesi, dalla Fiab e dal Comune di Cremona, che però deve ancora reperire i fondi necessari. Per questo, proprio dal Lions Il Torrazzo è partita l’idea di una lotteria, dal nome “2 Giugno” in quanto entro quella data si vorrebbe vedere completato il circuito.

Già attiva anche una pagina sulla piattaforma Gofundme (https://www.gofundme.com/f/strada-facendo), con l’obiettivo ambizioso di raccogliere 20mila euro.

Scopo primario è quello di coinvolgere ed educare i ragazzi con età compresa tra i 4 ed i 10 anni, individuando in tale periodo della vita del bambino il momento ideale per l’apprendimento di modi di comportamento con il prossimo e la società ed in particolare come comportarsi sulla strada.
Un’efficace educazione sui comportamenti da tenere sulla strada, può instaurare negli alunni una “cultura formativa e civile” che diventi parte integrante del loro modo di vivere, che li porti a considerare il rispetto delle regole, come atteggiamento normale e non come una costrizione.

Il progetto “Strada facendo” non si propone solo di realizzare un circuito stradale, ma di costruire un percorso educativo che insegni agli alunni, dalle materne alle primarie, a vivere la strada in modo più accorto, sicuro e responsabile come protagonisti del traffico, sia come pedoni, sia come ciclisti e futuri motociclisti o automobilisti

L’uso consapevole della bicicletta costituisce un valido esempio di competenza esperta che richiede un insieme di conoscenze ed abilità, promuove l’autonomia e la responsabilità della persona, sollecita a regolare il proprio comportamento, nonché uno strumento di condivisione dei bambini degli spazi comuni esterni alla propria abitazione che li coinvolge in una educata e regolamentata interazione.

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti