Cronaca
Commenta

Lgh-A2A, cosa prevede la fusione
dividendo fino a 3 milioni di euro

La nuova sede di Lgh

I punti qualificanti della fusione per incorporazione di Lgh in A2A, votata ieri a maggioranza dal Consiglio Comunale, sono di tipo economico finanziario per le casse di Aem e quindi Comune di Cremona, e di ricadute industriali derivanti dal mantenimento a Cremona della sede di Linea Green, l’azienda per lo sviluppo delle bioenergie e per la transizione energetica di tutto il gruppo A2A.

I PUNTI SALIENTI DELL’ACCORDO

  •  I soci Lgh diventano soci minoritari di A2A secondo questa suddivisione e per un totale del 2,75%: AEM Cremona s.p.a. 0,85%; COGEME s.p.a 0,85%; ASM Pavia s.p.a. 0,44% ASTEM Lodi s.p.a. 0,36%; SCS s.r.l. in liq.
  • Il concambio consiste in 0,947 azioni A2A per ogni azione LGH.
  • Sulla base della quota di partecipazione ad A2A dello 0,85%, il capitale detenuto da Aem Cremona ammonta a circa 49 milioni di euro (valore variabile a seconda della quotazione in Borsa). La previsione è che da qui al 2030 il dividendo annuale spettante ad Aem arrivi a sfiorare i 3 milioni di euro (oggi 1,8 milioni).
  • A2A si impegna a proporre ed approvare la distribuzione parziale di riserve, disponibili, per non meno di euro 16.082.000 nell’assemblea dei soci LGH che approverà il Progetto di Fusione di LGH s.p.a. in A2A s.p.a.. Tale distribuzione straordinaria è un elemento essenziale per la formazione del valore di concambio condiviso tra le parti ed inserito nella proposta di A2A trasmessa il 16 aprile 2021.
  • A2A si impegna a far sì che a seguito della fusione ed entro il 31.12.2021 venga costituita una fondazione senza scopo di lucro (Fondazione LGH), operante sui territori di Cremona, Crema, Lodi, Pavia, Ovest Bresciano, che sarà supportata da A2A con programmi triennali, mediante allocazione di risorse finanziarie. La Fondazione LGH avrà il fine della promozione della ricerca, dello studio ed approfondimento, nonché valorizzazione di temi e progetti coerenti con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, in ambito di formazione, ricerca, impatto sociale, liberalità.

In particolare, l’intervento della Fondazione sarà orientato ai seguenti ambiti:  promozione di approfondimenti storico-culturali in ambito energetico, ambientale, agricolo; valorizzazione del patrimonio storico culturale del territorio; sostegno alla ricerca scientifica e tecnologica nelle bioenergie; contribuzione allo sviluppo di progetti in ambito smart land, smart grid, bioenergie, transizione energetica, economia circolare, energie rinnovabili; finanziamento di borse di studio, progetti di ricerca, liberalità negli ambiti di elezione.

La Fondazione LGH avrà sede in Cremona e sarà governata da un Consiglio di Amministrazione composto da 7 membri, di cui 2 nominati da A2A e 5 nominati congiuntamente da AEM, COGEME, ASTEM, ASM, SCS. Il Presidente sarà individuato da A2A.

  •  A2A si impegna al mantenimento, a seguito della fusione di LGH, delle seguenti società, oggi controllate da LGH, e della rispettiva attuale sede sociale: LD Reti s.r.l., Linea Gestioni s.r.l., Linea Ambiente s.r.l., Linea Green s.p.a. per un periodo di almeno 24 mesi, in coerenza con l’esistenza di un beneficio economico derivante dal loro mantenimento come entità giuridiche separate, ferma la loro piena integrazione nell’ambito delle business unit di riferimento di A2A e delle relative organizzazioni.
  • Per un periodo di 36 mesi verrà mantenuto un Comitato del Territorio, al fine di dare prioritaria attenzione ai territori di Cremona, Crema, Lodi, Pavia, Ovest Bresciano nello svolgimento dei servizi da parte di A2A. Il Comitato del Territorio sarà composto da 7 componenti di cui 2 nominati da A2A e 5 nominati congiuntamente da AEM, COGEME, ASTEM, ASM, SCS. Il Presidente sarà indicato da A2A. Avrà funzioni meramente istruttorie, consultive e propositive e sarà la sede in cui A2A comunicherà le proprie iniziative con riferimento ai propri servizi gestiti sui territori sopra indicati, al fine di coinvolgere il territorio stesso nello sviluppo degli stessi, anche raccogliendo contributi, suggerimenti e criticità, in un’ottica di miglioramento continuo. gb

 

© Riproduzione riservata
Commenti