Cronaca
Commenta

I cento Einaudi, ma anche i
neoassunti e i pensionamenti

La fine di ogni anno scolastico risulta sempre molto più movimentata e ricca di quanto non sembri all’apparenza: è tempo di bilanci, staffette, inizio e termine di cicli e di lunghe carriere. Ci sono stati, innanzitutto, gli Esami di Stato, che hanno dato soddisfazione ad un bel gruppetto di studenti modello.

Nel corso tecnico con indirizzo turistico, il massimo del punteggio è stato strappato da Emanuela Dema, Greta Staurenghi, Alessia Tarozzi, Silvia Valla, mentre, nelle due classi del grafico, i più bravi sono stati Takalegne Faravelli e Leonardo Natalicchio nella sezione A, Paolo Lorenzini ed Alice Margariti, che ha meritato addirittura la lode, in B. Eccellenze pure nel professionale: in quinta A sociosanitario, si è distinta Greta Tavoni, in B, invece, Annamilli Gennari, Gioele Mancini ed Alex Ripamonti. Denise Marchesi è la migliore del commerciale. Nell’alberghiero, il voto più alto spetta a Davide Grassi, Federica Gualtieri, Alessia Ripari e Nicolò Vacchelli di quinta A bar, mentre, in B, a Riccardo Ardoli, Claudia Della Putta, Fatbardha Tairi.

Il comitato di valutazione presieduto dalla dirigente Nicoletta Ferrari e composto da Giuseppe Bonavita, Filomena Carone ed Annalisa Prisco ha inoltre formalizzato l’acquisizione, nell’organico dei insegnanti di Lettere, della neoassunta Valentina Terreni, che arriva dalla scuola elementare e che ha svolto l’anno di prova con l’affiancamento della tutor Barbara Bozzi.

E poi c’è stato l’addio ai colleghi, che, dal primo di settembre, si godranno la meritata quiescenza: si tratta dei docenti di Economia aziendale Luigina Giuseppina Bazza e Mauro Ceruti e della professoressa Agnese Rambaldini di Matematica, che hanno salutato i colleghi, dedicando loro le parole del maestro Alberto Manzi, con l’invito a non rinunciare mai ad essere se stessi, ad avere un approccio curioso, critico, onesto, intelligente, generoso, libero ed amorevole nei confronti della realtà.

© Riproduzione riservata
Commenti