Cronaca
Commenta

Veterinari, si è spento Manfredi,
presidente EV SCarl

Il Presidente di EV SCarl (società che comprende tutte le realtà associative Scivac) Antonio Manfredi è mancato ieri pomeriggio all’ospedale di Cremona dove era ricoverato da alcuni mesi, dopo un lungo decorso post chirurgico. In aprile gli era stata diagnosticata una neoplasia. La sua morte scuote e addolora la comunità veterinaria italiana di cui è stato un protagonista honoris causa.

Dal 1984 aveva fatto nascere e crescere la Scivac, primo nucleo di un sistema societario che oggi conta decine di sigle scientifiche e professionali fra cui Sive, Sivar, Sivae e Anmvi. Fu Manfredi a portare la sede societaria a Palazzo Trecchi, restituendo l’edificio alla sua importanza storica e artistica, trasformandolo in un polo di formazione veterinaria internazionale.

Di formazione  manageriale, una laurea in economia e commercio, Manfredi aveva una vasta esperienza di direzione aziendale, prima nel settore pubblicitario poi nel tessile, poi interamente dedicata allo sviluppo dell’imprenditoria culturale veterinaria. Editore, giornalista, Manfredi ha firmato la direzione responsabile di tutte le testate veterinarie del circuito societario di EV.

Dotato di una personalità carismatica e doti naturali di leadership Manfredi è stato un riferimento per generazioni di Veterinari e per le aziende del comparto contribuendo all’espansione del mercato veterinario negli ultimi quarant’anni.

Innovatore nel campo della congressistica, aveva espanso le attività di EV su scala internazionale e avviato la svolta digitale delle attività formative durante la pandemia.

Profondo conoscitore dell’arte, instancabile viaggiatore aveva visitato oltre 200 Paesi, passioni di cui portano testimonianza la sede di Palazzo Trecchi e le conversazioni con cui sapeva intrattenere e affascinare i suoi interlocutori.

I funerali si terranno in forma strettamente privata.  I familiari ringraziano quanti vorranno rendere omaggio alla memoria di Antonio Manfredi con una donazione alla ricerca scientifica.

© Riproduzione riservata
Commenti