Cultura
Commenta

Conservatorio, settimana di eventi
per festeggiare la nazionalizzazione

Si apriranno sabato 2 aprile le celebrazioni per l’avvenuta nazionalizzazione del Conservatorio di Cremona che intende “festeggiare con la città che lo ospita offrendo alla città di Cremona una settimana ricca di eventi in differenti location con una proposta musicale il più varia possibile, in modo da coinvolgere dai più grandi ai più piccoli”.  Il percorso era iniziato nel 2017 e si è concluso quest’anno. Ciò comporta “un ulteriore lavoro per rispettare i vincoli della convenzione, ma è soprattutto un grande risultato conseguito con anni di impegno da parte dei lavoratori del Conservatorio (insegnanti e non) e che coinvolge anche altre istituzioni cittadine, a partire dal comune”. Il conservatorio “desidera dunque confermarsi ulteriormente come ‘fiore all’occhiello dell’alta formazione musicale’ – come l’ha definito l’assessore Luca Burgazzi – per la città di Cremona e non solo, proseguendo con il suo impegno formativo e di offerta concertistico-musicale”.

La settimana di eventi inizierà con le Lezioni aperte nella sede del Conservatorio, dalle ore 9 alle ore 15, per aprire le porte a chi desidera avvicinarsi ad uno strumento o conoscere meglio l’attività del conservatorio. Le lezioni aperte proseguiranno anche durante il corso della settimana. Nella stessa giornata verrà accompagnata dalla musica l’apertura del Museo Diocesano alle ore 10.30. Proseguiranno anche i consueti appuntamenti del sabato con il concerto nella Sala Manfredini del Museo Civico alle 16.30 e con la Sinfonia dei giocattoli al Museo del Violino (ore 12), coinvolgendo anche le famiglie e i piccoli ascoltatori nell’esecuzione della sinfonia. Sabato 2 aprile verrà inoltre celebrata la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo in Cortile Federico II, dove si eseguiranno le Favole Musicali, un progetto che continua a portare la magia delle fiabe e della musica nelle scuole e non solo.

Domenica 3 aprile è dedicata in particolare alla situazione contingente della guerra in Ucraina, con due concerti – alle 11 e alle 17 – presso il Teatro Ponchielli. Il primo concerto sarà eseguito dall’ensemble di violoncelli C3 – ChiesaCellosCremona, fondato dalla professoressa Silvia Chiesa, che già ha debuttato con successo l’anno scorso all’Amiata Piano Festival e a Cremona Musica. 
La giornata di domenica si concluderà poi con l’esecuzione delle Nozze di Figaro di W.A. Mozart al Teatro Monteverdi.
L’ensemble dei C3 lo ritroveremo protagonista anche lunedì 4 alle ore 17 in Casa Sperlari per un concerto in collaborazione con l’Associazione ADAFA, che ha ospitato quest’anno altre performance degli allievi del conservatorio all’interno del loro programma Echi Musicali 2022.

Martedì 5 aprile alle ore 21 vi sarà la possibilità di assistere ad un concerto dedicato al repertorio sacro presso la Cattedrale di S. Maria Assunta.  Giovedì 6 a Palazzo Raimondi, sede del Dipartimento di Musicologia dell’Università di Pavia, si terrà una conferenza dal titolo Dal manoscritto all’edizione – Presentazione de “Il ritorno di Tobia” di Baldassarre Galuppi. Verrà presentata la nuova edizione critica a cura di Elia Pivetta, dalla quale è nato il progetto del Laboratorio di Musica Barocca che si concluderà nel mese di giugno con l’esecuzione della cantata del compositore. Alle ore 18 presso l’Auditorium del Museo del Violino vi sarà invece l’esecuzione di un programma dedicato a Brahms con gli allievi Manvati, Lazzari, Senatore, Galanov, Sanguinetti, Liberati.

Gli ultimi due giorni prevedono delle audizioni musicali al battistero del Duomo di Cremona venerdì 8 aprile alle ore 16.30, mentre sabato 9 dalle 10 alle 15 si terrà l’evento Festa del Conservatorio – Maratona musicale a Palazzo Magio Grasselli, destinato a diventare nei prossimi anni la sede del conservatorio di Cremona. Infine alle 16.30 in Sala Manfredini presso il Museo Civico Ala Ponzone si terrà il consueto incontro de Il Monteverdi al Museo, dove si esibiranno gli allievi Greca Puddu e Yevgeni Galanov, rispettivamente al violino e al pianoforte.

© Riproduzione riservata
Commenti