Politica
Commenta

Cremona Solidale, Viola: "Gli
anziani non sono lasciati soli"

Cremona Solidale e polemiche innescate dalle dimissioni di sei su otto membri del comitato parenti, come primo punto all’ordine del giorno del consiglio comunale di oggi. A Pietro Burgazzi (Gruppo Misto) che aveva presentato un interrogazione in proposito, ha risposto l’assessore Roita Viola: E’ già prevista per giovedì 14 aprile la Commissione di Vigilanza richiesta dalla minoranza sugli argomenti oggetto dell’interrogazione. Il CdA, la Dirigenza di Cremona Solidale e l’Amministrazione Comunale si sono resi sin da subito disponibili al confronto in tale sede e con la presenza di tutti sarà un’occasione di approfondimento.

Come presentato nella Commissione dedicata a Cremona Solidale (10 febbraio 2022) con la presenza dei rappresentanti del CdA, della Direzione Generale e delle Direzione Sanitaria, e successivamente nel Consiglio Comunale (21 febbraio 2002) si intende continuare nel percorso intrapreso per sostenere le fragilità e gli effetti derivanti dall’emergenza COVID che ha colpito oltre che ospiti e operatori i familiari stessi.

Nel Piano Programma 2022 si è fatto riferimento alla scadenza (febbraio 2022) del Comitato Parenti e all’intenzione di costituire un nuovo Comitato con la ridefinizione degli obiettivi allo scopo di lavorare per una crescita di consapevolezza, responsabilità e impegno di tutti i soggetti coinvolti nonché definire un programma di lavoro condiviso per migliorare costantemente la qualità dei servizi e delle progettualità. Su questo punto è utile avviare un percorso, valutare altre esperienze, nonché la condivisione di proposte anche nella Commissione consiliare competente. Contestualmente si sta approfondendo la realizzazione di progettualità/servizi per la relazione con i familiari e si sta lavorando in tal senso.

Rassicuro in questa sede che gli anziani non sono lasciati soli poiché ogni giorno il personale sanitario, socio-sanitario, gli educatori e i volontari, sono presenti e attivi su più fronti. In particolare i volontari, di AUSER e SIAMO NOI che ringraziamo, unitamente al personale, sono lì ogni giorno, sono stati formati nei mesi scorsi per consentire al meglio le visite dei familiari che a partire dall’11 marzo sono riprese in presenza su appuntamento (ove possibile rispetto alla eventuale riscontro di casi Covid positivi). C’è un impegno di tutti per garantire che l’azione di Cremona Solidale sia volta al miglioramento della qualità dei propri servizi, per promuovere e favorire il dialogo e il confronto costruttivo con tutti i soggetti, organismi e istituzioni coinvolte per ritornare a breve anche ad una situazione di normalità e quotidianità”.

© Riproduzione riservata
Commenti