Cronaca
Commenta

"Cremona isola felice": ultimo
incontro del Cosp a Vescovato

Oggi tappa conclusiva degli incontri del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica in forma itinerante voluti dal Prefetto Conforto Galli.

Una riunione del Cosp (foto d'archivio)

Ultima tappa, questa mattina a Vescovato, dei Comitati per l’Ordine e Sicurezza Pubblica in forma itinerante  voluti dal Prefetto Corrado Conforto Galli per dare agli amministratori locali un forte segnale di presenza rafforzando la rete di collaborazione interistituzionale.  A conclusione del circuito di appuntamenti, che dal mese di maggio ha visto interessati, quali sedi dei Comitati itineranti, i Comuni di Crema, Casalmaggiore, Soncino, Soresina e appunto Vescovato, le Autorità di Pubblica Sicurezza hanno potuto tracciare un bilancio sicuramente positivo del progetto attuato, poiché gli incontri hanno permesso di approfondire la conoscenza dell’intero territorio provinciale, aprendo un diretto e non mediato canale di comunicazione con gli amministratori locali, riconoscendo agli stessi il ruolo di osservatori privilegiati degli scenari socio-economici della provincia cremonese.

L’invito rivolto ai Sindaci, pertanto, è stato quello di farsi responsabili portavoce delle rispettive comunità, che, inevitabilmente, individuano proprio nelle Istituzioni comunali i primi recettori delle loro aspettative, rimostranze e istanze di maggiore sicurezza e legalità.

Nello specifico, tra le criticità maggiormente segnalate o, come tali, percepite dai cittadini, si evidenziano i fenomeni di degrado sociale connesso al disagio giovanile, alle bande di minorenni, ai vandalismi, alla recrudescenza dello spaccio di stupefacenti, alle occupazioni abusive di immobili e al degrado urbano. Fenomeni talvolta derivati e, certamente, acuiti dall’emergenza pandemica e dalla successiva crisi economica, legata agli incrementi dei costi delle materie energetiche, con dirette ripercussioni sulle finanze delle famiglie, delle aziende e degli stessi Enti locali.

“Occorre tuttavia precisare – affermano dalla Prefettura –  che anche in presenza di tale difficile contesto socio-economico, non è mai venuta a mancare la capillare, costante e sinergica attività delle Istituzioni preposte al mantenimento dell’Ordine e Sicurezza Pubblica, atteso che l’esame dei correnti dati statistici consegna, oggettivamente, il profilo di una provincia sana, di un territorio produttivo e sostanzialmente esente da fenomeni di macrocriminalità o concreti tentativi di infiltrazioni criminali, significando che, sotto l’aspetto della legalità, la provincia di Cremona può ancora considerarsi ‘un’isola felice”’, che, ed è questo l’impegno delle Autorità, verrà fatto ogni sforzo per mantenere tale”.

© Riproduzione riservata
Commenti