Commenta

Crisi dei suini, chiudono gli allevamenti. Rischiamo di essere colonia del nord Europa

maiali

Crisi dei suini: l’Italia ha perso 60 mila scrofe in tre anni. Oggi nelle stalle sono meno di 700 mila, contro le 756 mila del 2008. Solo in Lombardia fra il 2009 e il 2011 sono state cancellate 25 mila “mamme”, pari a circa mezzo milione di lattonzoli (21 milioni di euro il valore) per il circuito Dop. Intanto crescono le importazioni di maialini dalla Ue, in particolare dall’Olanda e dalla Danimarca: nel 2010 hanno raggiunto i 500 mila capi con un aumento del 40 per cento. “Rischiamo di diventare una colonia del nord Europa – spiega Andrea Cristini, vice presidente della Coldiretti Brescia e presidente nazionale dell’associazione degli allevatori di suini – perdiamo scrofe italiane e arrivano piccoli dall’estero. Il settore è sull’orlo dell’abisso e quasi ogni giorno ci sono aziende che chiudono o stanno per farlo”.

In Lombardia gli allevamenti sono passati dai 4.341 del 2007 ai 3.530 del 2010, con una differenza negativa di oltre 800 stalle (quasi il 19 per cento). A livello regionale – stima la Coldiretti Lombardia – il settore occupa quasi 15 mila persone fra titolari di azienda, familiari, collaboratori e dipendenti (senza contare gli addetti dei macelli e delle industrie di trasformazione).

“Stiamo arrivando al punto di non ritorno – spiega Nino Andena, Presidente della Coldiretti Lombardia – gli allevatori prendono per i maiali quello che incassavano dieci anni fa, mentre i costi sono raddoppiati. E’ quasi impossibile far quadrare i conti”.

Per questo alla Regione Lombardia la settimana scorsa è stata proposta una serie di misure urgenti “salva aziende”: dalla proroga delle rate dei mutui all’abbattimento almeno parziale dei tassi di interesse sui finanziamenti oltre a un impegno preciso a fare pressione sul Governo per l’approvazione del decreto applicativo sull’obbligo dell’indicazione di origine, considerato nel 2010 in Italia le importazioni di animali vivi e di carni fresche, congelate e lavorare hanno sfondato il tetto dei 511 milioni di euro.

IL SETTORE SUINICOLO NEL 201o IN LOMBARDIA

PROVINCIA                                  ALLEVAMENTI                           N. CAPI

Bergamo                                          488                                                       323.043

Brescia                                             1.004                                                1.466.352

Como                                                 126                                                              1.554

Cremona                                          385                                                    1.018.937

Lecco                                                 97                                                                2.837

Lodi                                                   208                                                         455.717

Mantova                                          631                                                      1.294.665

Milano                                              153                                                            71.091

Monza Brianza                            40                                                               3.539

Pavia                                                186                                                          269.264

Sondrio                                            106                                                               1.625

Varese                                              106                                                                   999

TOTALE                                          3.530                                                  4.909.623

(Elaborazione Coldiretti Lombardia su dati Rapporto sistema agroalimentare Lombardia)


 

© Riproduzione riservata
Commenti