Commenta

'Nonni avvisati…', le iniziative della Polizia Provinciale contro truffe, scippi e raggiri

pigoli-e-lena-presentano-'Nonno-avvisato'

– a sinistra Pigoli, a destra Lena

Nonni vigili: attenti, all’erta, pronti a smascherare i tentativi di truffe e raggiri posti in atto, purtroppo sempre più spesso, a danno della terza età. La Polizia Provinciale con il progetto “Un amico in divisa” si è proposta di realizzare un’azione mirata per diffondere sul territorio una maggiore consapevolezza sui rischi derivanti da truffe, raggiri, scippi, rapine. L’obiettivo è quello di avvicinare gli anziani e creare un rapporto di fiducia e sensibilizzarli sui pericoli che corrono quando vengono contattati da estranei suggerendo comportamenti, misure di sicurezza, recapiti da contattare per ogni necessità.

Lo scorso anno tre appartenenti al Corpo di Polizia Provinciale hanno frequentato un apposito corso organizzato dall’istituto formativo regionale per poi condividere e mettere a frutto le competenze acquisite. Nel corso di quest’anno, accogliendo le richieste dei Comuni, si terranno incontri con la terza età per presentarsi, avvicinarli, divulgare materiale informativo su cui sia possibile ritrovare in modi chiari e semplici le stesse tematiche esposte negli incontri. ’iniziativa ha richiesto un impegno preventivo per ideare e realizzare il materiale divulgativo, tenere rapporti con gli Enti e i soggetti coinvolti, progettare gli incontri nei Comuni.

Nel corso degli interventi verranno affrontati i temi che sono alla base di tante inquietudini della terza età. E’ infatti noto che la crescita della piccola criminalità ha determinato in questi ultimi anni un deciso aumento degli atti di violenza, sia negli spazi pubblici che fra le mura domestiche e le persone anziane, soprattutto se vivono sole, risultano purtroppo come detto essere le vittime più a rischio. Durante gli incontri verranno quindi proiettate slides ad illustrazione dei temi trattati e dei suggerimenti preziosi che verranno forniti. Inoltre, verrà distribuita una apposita pubblicazione che la Polizia Provinciale ha fatto stampare per informare sulle principali tipologie di rischio, indicando nel contempo forme di prevenzione e consigli utili. Le slides che verranno proiettate, come le sezioni della brochure, smascherano astuti stratagemmi e forniscono spunti per vivere con più sicurezza nei diversi ambienti, in casa, per strada, quando si fanno compere, sui mezzi pubblici, per uffici.

Vengono esemplificate diverse casistiche di truffe, consigliando di diffidare dagli sconosciuti che si spacciano per soggetti affidabili, e si invitano i cittadini a conoscere bene il territorio e dove sono situati gli uffici della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Polizia Locale. Si raccomanda, laddove si chiami un numero di emergenza, di comunicare chiaramente determinate indicazioni (il numero di telefono da cui si chiama, dove è successo il fatto in question, la descrizione chiara del fatto: incidente, aggressione, cosa si vede al momento o che cosa si è visto, quante sono le persone coinvolte). Naturalmente, si raccomanda – in ogni circostanza – di evitare  qualsiasi tipo di contatto fisico con delinquenti e malintenzionati e si incoraggia a denunciare immediatamente ogni episodio di furto, truffa o raggiro.

Il progetto è stato messo a punto nella certezza che le semplici misure preventive proposte possano evitare a tutti i “nonni” di cadere vittima di atti incresciosi, criminali e pericolosi affrontando così quei sentimenti di angoscia, paura e insicurezza che particolari situazioni posso creare, per sfociare a volte in veri traumi psicologici.

In questo si impegnano gli uomini della Polizia Provinciale di Cremona (tel. 0372 406450) che si muoveranno sul territorio per attuare il progetto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti