Commenta

Sisma, ancora scosse nella notte La mobilitazione della Caritas cremonese: "Appello per letti e generi alimentari"

caritas-cremonese-in-emilia

Sopra, i danni a San Felice sul Panaro

Durante la notte la terra ha continuato a tremare nell’area della pianura tra le province di Mantova, Modena e Ferrara. Dalla mezzanotte alle 8.30 di questa mattina sono state circa 25 le scosse registrate. La più importante si è avuta poco dopo l’una, di magnitudo 3.7, ma altre due hanno superato la magnitudo 3. Due scosse hanno avuto l’epicentro in provincia di Mantova, nei territori di Poggio Rusco e tra San Benedetto Po e Motteggiana. Nelle ultime 24 ore sono state avvertite oltre cento scosse. Dopo il sisma 5.9 Richter delle 4.04 di notte, la replica più forte è avvenuta alle 15.18 di ieri, con magnitudo 5.1, che ha provocato altri crolli. Anche oggi continuerà la verifica nelle zone del casalasco e del basso mantovano per accertare eventuali danni. Danni anche a Fontanellato (Parma) agli affreschi del Parmigianino alla Rocca Sanvitale appena consolidato dopo il sisma del gennaio scorso.

LA CARITAS CREMONESE: “APPELLO PER LETTI E GENERI ALIMENTARI”

È tornata nella prima serata di domenica 20 maggio la delegazione di Caritas cremonese che si è recata a San Felice sul Panaro, paese di oltre 11.000 abitanti in provincia di Modena, che insieme a Finale Emilia è stato l’epicentro dei sisma di magnitudo 5.9 scattato alle 4 del mattino e delle successive scosse di assestamento. La situazione è drammatica, oltre 300 persone, ma la cifra è destinata a crescere hanno la casa inagibile e sono costrette a dormire nelle tendopoli approntate dalla Croce Rosse Italiana e dalla Protezione Civile (in tutta la regione sono oltre 3000). La delegazione, composta da Cristiano Beltrami, direttore di Casa dell’Accoglienza e dagli operatori Caritas Marco Tassini e Sebastiano Autieri, ha preso contatti con il centro operativo periferico instaurando una piena collaborazione che già nelle prossime ore si concretizzerà con l’invio di letti, generi alimentari a lunga scadenza, ma anche di operatori per l’assistenza nei campi: molti sono, infatti, gli anziani e le famiglie con bambini piccoli. Alle parrocchie e ai singoli la Caritas lancia un appello per la raccolta di brande, materassi e cibo a lunga scadenza. Occorre rivolgersi all’ufficio Caritas di via Stenico 2/b o telefonare al numero 0372 35063.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti