Commenta

Festa della Polizia al Ciitanova I risultati dell'attività: in aumento furti e violenze sessuali

polizia-3

foto Francesco Sessa

Festa a palazzo Cittanova per il 160esimo anniversario di fondazione della polizia di Stato. Durante la cerimonia il questore Antonio Bufano ha reso noti i risultati dell’attività. Dal primo maggio del 2011 allo stesso periodo del 2012 i reati commessi in città sono in aumento, da 3.799 a 4.302 (13,24 % in più rispetto al periodo precedente del 2010/2011). Nell’unico caso di omicidio volontario l’autore è stato scoperto ed assicurato alla giustizia. Sono diminuite le denunce di lesioni dolose, da 98 a 95, e le minacce, da 128 a 125, mentre sono aumentate le denunce di percosse, da 20 a 36 (+16), le ingiurie, da 95 a 107, e le violenze sessuali, da 6 a 12. I furti semplici ed aggravati, passando da 1.736 a 2.288, segnano un aumento di 552 casi, corrispondente al 31,80% in più rispetto all’anno precedente; in particolare sono risultati in aumento i furti con strappo, da 3 a 10, quelli con destrezza, da 100 a 120, in esercizi commerciali, da 209 a 225, su auto in sosta, da 218 a 395 (+177), e di autovetture, da 49 a 71 (+22). Sono diminuiti i furti in abitazione, da 160 a 158, i furti di ciclomotori, da 28 a 27, e quelli di motociclo, da 9 a 6. Anche nel capoluogo sono aumentate le rapine, da 33 a 49 (+16) ed in particolare, quelle in abitazione, da 2 a 4, e quelle negli esercizi commerciali, da 5 a 12; quelle in banca sono invariate nel numero di 5 e quelle nella pubblica via sono diminuite da 15 a 14. Nessuna rapina è avvenuta negli uffici postali. Infine sono aumentate le truffe informatiche, da 185 a 215 (+30) e i reati concernenti lo sfruttamento della prostituzione e pornografia minorile, da 12 a 16. I reati concernenti gli stupefacenti passano da 37 a 17 (-20), ma questo non equivale ad affermare che il consumo e l’abuso siano in calo.

Anche i reati commessi in provincia nello stesso periodo mostrano una tendenza all’aumento, essendo passati da 12.895 a 13.416 (+521 reati), corrispondenti al 4% in più rispetto all’anno precedente. In  particolare, oltre ai tre casi di omicidio volontario che hanno interessato la provincia nei due periodi considerati, i cui autori sono stati identificati ed assicurati alla giustizia, sono diminuiti i casi di omicidio colposo quale conseguenza di incidenti stradali, passati da 40 a 25, mentre non si è verificato alcun incidente sul lavoro con esito mortale.Il gruppo di reati contro la persona ha avuto il seguente andamento: le denunce di lesioni dolose sono passate da 294 a 339 (+45), le percosse da 127 a 103 (-24), le minacce da 526 a 503 (-23), le ingiurie da 479 a 483 (+4) e le violenze sessuali da 28 a 29. Elevato, per questa tipologia di reato, il numero dei responsabili assicurati alla giustizia. I furti, semplici e aggravati, passati da 6.246 a 6.857, segnano un incremento di 611 casi corrispondente al 9,78 % in più rispetto al periodo precedente. In particolare si registra un aumento nel numero di furti con strappo, da 11 a 25 (+14), con destrezza, da 301 a 341 (+40), in esercizi commerciali, da 533 a 546 (+13), su auto in sosta, da 758 a 829 (+71), di ciclomotori, da 62 a 89 (+27), di motociclo, da 20 a 28, di autovetture, da 223 a 244 (+21), e in abitazione, da 1.181 a 1.198 (+ 17). Sono invece diminuiti i furti di opere d’arte e materiale archeologico, da 5 a 4, i furti di automezzi trasportanti merci, da 12 a 6. Si è registrata anche una diminuzione dei reati di ricettazione, da 171 a 131 (-40). Le rapine sono aumentate, da 109 a 119 (+10); in particolare è cresciuto il numero di quelle consumate in abitazione, da 17 a 18, nelle banche, da 8 a 10, e negli esercizi commerciali, da 18 a 24. Sono diminuite le rapine negli uffici postali, da 2 a 1, e quelle nella pubblica via, da 38 a 36. E’ aumentato il numero delle estorsioni, da 19 a 21, delle truffe informatiche, da 533 a 652 (+119) e i reati di sfruttamento della prostituzione  e pornografia minorile, da 23 a 24. I reati concernenti gli stupefacenti sono passati da 136 a 117 (-19). A fronte dell’ incremento nel numero di delitti, c’è però da segnalare come sia complessivamente cresciuta la risposta delle forse di polizia e la loro capacità operativa. Dal maggio 2011 al maggio 2012 i reati commessi sono stati 13.416; 3.275 le persone denunciate e 340 quelle arrestate.

Per quanto riguarda l’attività della squadra mobile, sempre dal primo maggio 2011 al primo maggio del 2012, sono state arrestate 52 persone e 130 quelle denunciate. Per quanto riguarda invece le attività della squadra volante, gli arresti sono stati 29, le denunce 259, le chiamate al 113 19.242, i verbali elevati per violazioni al codice della strada 137. Digos: 350 gli obiettivi sensibili di interesse istituzionale controllati; polizia amministrativa: 7.163 i passaporti rilasciati, 894 i porti d’arma; ufficio immigrazione: 11.100 i permessi  e le carte di soggiorno rilasciati e rinnovati, 43 gli ordini del questore a lasciare il territorio nazionale, 26 le espulsioni; polizia stradale di Cremona e dei distaccamenti di Crema, Casalmaggiore e Pizzighettone: rilevati 1.008 incidenti, 25 le persone decedute, 792 quelle ferite, 15.388 le infrazioni accertate, 680 le patenti ritirate, 36 gli arresti e 538 le denunce; polizia postale: un arresto e 223 denunce, 69 delle quali per contrasto alla pedopornografia on line.

Galleria fotografica di Francesco Sessa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti