6 Commenti

Malumori a palazzo, gli addetti informatici: "Ci stanno chiudendo?"

dipendenti-informatici-comune

Comune e dipendenti. Ancora malumori a palazzo. Questa volta si tratta del personale ICT (Information and Communication Technology) che, in assemblea con le Rsu, ha espresso un profondo disagio per i metodi di lavoro, l’assenza di una leadership e di una strategia operativa, l’ingerenza esterna non compresa e il mancato riconoscimento della professionalità. Ecco il contenuto del verbale dell’assemblea, pubblicato sull’Intranet, rete interna, del Comune: “Gli addetti percepiscono da tempo un giudizio negativo sul proprio operato da parte dell’Amministrazione, senza peraltro conoscere cosa si vuole da loro, con l’assoluta convinzione che l’Amministrazione non conosca cosa richiede il sistema per stare in piedi; prova ne sia che per l’analisi del sistema informativo si sta avvalendo di personale esterno. La mancanza di un confronto coi propri dipendenti, per tale analisi, denota una pregiudiziale, incomprensibile, sfiducia.

Negli anni i tecnici del SED hanno costruito una infrastruttura innovativa, sviluppato e gestito applicazioni per gli altri settori, centralizzato le informazioni strategiche, facendo del nostro ente uno dei più informatizzati e tecnologicamente avanzati, con una operatività elastica e un’economia proprie di chi lavora dall’interno.

Ora, con anche l’eliminazione di dirigente e P.O. e un’evidente mancanza di strategie e obiettivi, cosa di cui in un ente così informatizzato c’è assoluta necessità, è allarmante il decadimento di quanto fatto sinora, in un abbandono che sembra il preludio ad una chiusura. Del resto il personale non ha potuto fare a meno di notare che negli ultimi anni sono stati presi contatti e firmati protocolli d’intesa vari che riguardano direttamente il sistema informativo dell’ente, il tutto senza essere coinvolti e tantomeno consultati”.

“Non c’è una figura di riferimento per le responsabilità”. “Qual è lo scopo dei tavoli con IBM, AemCom?”. “Enti esterni raccolgono informazioni sul nostro lavoro. C’è un atto che autorizza l’operazione di indagine in corso?”. “Non sappiamo cosa l’Amministrazione vuole da noi e non capisce quale sia il lavoro del Sed”. “Nel giugno 2010 un fulmine ha danneggiato le apparecchiature di rete e dalla Giunta il commento: Ma sono in venti, cosa ci vuole a intervenire?”. “Il Polo Tecnologico significa smembramento?”

Queste, alcune delle problematiche espresse dai dipendenti, oltre a preoccupazioni e dubbi sul protocollo Ibm e sul coinvolgimento di AemCom.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Info

    Eppure, il dirigente del settore (in scadenza di contratto a tempo determinato) anzichè essere lasciato a casa, è stato riassunto a tempo determinato con un contratto ad hoc! E poi ci aumentano le tasse!

    • W:PERRI.

      ….i dirigenti godono di particolari tutele….è risaputo!!!!!In Italia solo dirigenti che non dirigono e non devono rispondere mai di nulla ecco perchè va tutto a meraviglia e non c’è motivo ne’ verso di cambiare lo stato delle cose……

    • geppo

      all’ex dirigente del settore informatico è stato “imposto” di restare con un contratto di “alta specializzazzione” per mascherare quello che in realtà è l’unico scopo dell’attuale giunta: DEVE FARE IL TRAGHETTATORE tra l’attuale servizio informatico e , si presume, AEMCOM.
      Chi meglio di lui conosce il settore che ha diretto per anni ?

    • 123_stella

      No Comment !

  • robin

    …..Non c’è da meravigliarsi !!

    Alcune mie considerazioni:
    – l’obbiettivo di questa giunta da quando si è insediata è sempre stato chiaro: “ridurre gli sprechi” (secondo loro creati e lasciati dalla precedente amministrazione) e quindi “ridurre i costi” , ma il metodo più semplice per dimostrarlo ai cittadini è quello di ridurre il personale, lo stesso Assessore Nolli ha più volte dichiarato che ci sono troppi dipendenti e troppi computer.
    – Il settore informatico non è il primo e non sarà l’ultimo ad essere “venduto”, ma una certezza c’è , si vuole un comune “snello” con pochi dipendenti e … tanti politici che devono mantenersi POLTRONA e
    Stipendio !
    – Il politico “modello” è colui che riceve i complimenti per il lavoro svolto da altri ma in caso di critiche ……le responsabilità sono degli “altri”, purtroppo in questa amministrazione ci sono molti politici “modello” !!
    – Il nostro Comune è in SALDO , svende e regala settori e dipendenti per “mantenere” le promesse elettorali.

    Ma è mai possibile che “tutti sanno” e nessuno si muova contro questo abuso di potere ?

    • 123_stella

      …. ma che promesse elettorali !! ….c’è qualcosa di peggio !! ….scambio di favori “personali” tra AMICI , in questo specifico caso tra chi coordina i dirigenti comunali e l’amministratore delegato di AEMCOM !!!

      Piccolo chiarimento: AEMCOM NON è una partecipata del Comune di Cremona ma è una ditta PRIVATA che guarda caso ha contribuito pagando il 50% delle spese per far “Analizzare” il settore informatico del Comune di Cremoana ……..SE QUESTO NON è CONFLITTO D’INTERESSE !!!

      è sempre peggio e concordo con il fatto che tutti sanno e nessuno fa niente per fermare sto c _ _ _ o di persone !!