9 Commenti

La Lega dice addio a Formigoni e nel weekend gazebo e "primarie" per il futuro governatore della Lombardia

formigoni-maroni-gazebo

Dopo le incertezze dell’incontro romano con il Pdl, adesso la Lega archivia davvero l’era Formigoni in Regione Lombardia. E dopo averlo fatto formalmente in mattinata con il consiglio federale della Lega in via Bellerio (“un unico election-day ad aprile” per le politiche e le regionali, dopo aver approvato la legge elettorale regionale e quella di bilancio “entro Natale”),  lo farà in modo plateale il prossimo fine settimana con l’allestimento di 1500 gazebo in tutta la Lombardia per il referendum sulle macroregioni ma chiedendo a militanti, elettori e  cittadini una conferma alla strada indicata delle elezioni lombarde il prossimo aprile. Ma ai gazebo ci sarà anche qualche cosa in più: si potrà indicare il candidato presidente della Lombardia per le elezioni del 2013.  Ovviamente i nomi che girano sono quelli di Castelli, Salvini o lo stesso Maroni. Salvini, intervenuto a “La Zanzara” su Radio 24, ha ribadito l’urgenza delle dimissioni del governatore.D’altra parte Formigoni ha già dichiarato questa mattina di essere pregiudizialmente contrario a una giunta “a tempo”.  ”Come Lega, responsabilmente, portiamo a compimento le ultime cose che interessano i cittadini: il bilancio regionale, una legge elettorale nuova che elimini il listino per far sì che le Minetti non possano essere paracadutate al Consiglio regionale e poi al voto, serenamente”, ha detto ancora Salvini.  I militanti del Carroccio condividono la linea dura decisa dal Consiglio federale. La soddisfazione rispetto all’unico election day emerge dai commenti, a cominciare dalle pagine Facebook di Maroni e Salvini, inondate di messaggi di approvazione anche dalla base cremonese e cremasca del partito.

L’opposizione  di centrosinistra intanto cerca di accelerare la caduta di Formigoni portando sotto la sede della Regione Lombardia lunedì sera «la gente onesta, i cittadini che rifiutano di essere guidati da chi compra i voti delle cosche e da chi quelle persone le ha scelte».  «Formigoni dimettiti, tempo scaduto»: con questo slogan, già riprodotto sui manifesti e sui social network, i partiti del centrosinistra invitano in via Melchiorre Gioia (inizio 20,30) alla partecipazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • TIZIANO CARINI

    Salvini!!
    SPAZIO AI GIOVANI!!

  • Alessandro

    Tra la GENTE ONESTA ci sarà anche il Sindaco di Rho del PD eletto con i voti della ndrangheta?

  • Paolo Torriani

    Come al solito la lega arriva sempre troppo tardi, tante promesse tante parole e zero fatti.

  • sandra

    La lega sta morendo.E anche la sua agonia e’ prossima alla fine.

    • Giacomo

      Dovresti anche tu sperare di no, altrimenti non c’è più nessuno che difende il Nord, i suoi cittadini e il territorio. Comunque l’elettorato della Lega è più vivo che mai. Non è illuso ne deluso. Sta facendo il proprio dovere, tra l’altro è l’unico che sa fare pulizia delle mele marce. Sono tutti gli altri partiti che non hanno questa forza virtù in più che serve per il futuro dell’Italia e soprattutto del Nord. Saluti PADANI per un grande NORD…..Tutti ai gazebo per votare per i referendum

      • batman

        ha fatto così bene le pulizie che i vari Calderoli, Maroni.. sono ancora lì. Non prendiamoci in giro

    • Angy.

      E’gia’morta….si è suicidata!

  • DIO MIO, LA FRETTA……
    Intervista succosa e abbastanza completa dell’Inviato on line di Roberto Bettinelli al nuovo segretario provinciale del Pdl, Luca Rossi. Travolta da una sfortunata inversione nel titolo:
    In politica c’è il marcio, ma anche persone oneste

    Cremona 14 10 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • NON DEVI CADERE
    Dopo 18 (diciotto) anni di vita e molti di governo, improvvisamente si scopre che il Pdl era Berlusconi e 40 (quaranta) ladroni. Il brutto, no, meglio disgustoso, a scoprirlo son proprio quelli ancora in sella oggi, timorosi di perderla. A esser precisi, lo sapevano da sempre, ma era impossibile opporsi al despota che aveva fatto del partito la sua azienda. L’unico ad averci provato, e ora B lo prega di tornare, Casini….

    Cremona 14 10 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info