9 Commenti

L'anno nero del lavoro a Cremona Cassa integrazione a livelli record Qualcuno se ne preoccupa?

lavoro-evid

AGGIORNAMENTO – Siamo quelli che, nell’intera Lombardia, hanno visto peggiorare di più la situazione. In provincia di Cremona il sistema-lavoro mette in luce ancora una volta le sue grandi difficoltà. L’ultimo segnale arriva dalla cassa integrazione, che fa registrare una crescita (purtroppo) da primato: +32,29% rispetto all’anno scorso, nessuno come noi in regione. Secondo i calcoli fatti da uffici Cgil su dati Inps, l’incremento più elevato, dalle nostre parti, è nel commercio: +72,89%. Dietro, c’è il +48,59% dell’artigianato.

Il territorio fatica a rialzare la testa. Ognuno deve fare la sua parte. Necessario ragionare con uno sguardo che superi criticità e interessi di singoli settori, al fine di mettere sul tavolo interventi pianificati (pure sul lungo periodo) capaci di favorire il rilancio. Non è facile. La crisi ha radici lontane (e internazionali). Per uscire da una condizione del genere, però, bisogna muoversi in modo organizzato, coinvolgendo tutte le aree competenti, anche a livello locale.

CASSA INTEGRAZIONE E VARIAZIONE PERCENTUALE

Ecco quindi altri dati da allarme. Arrivano dopo il record raggiunto con i licenziamenti (in dieci mesi già ampiamente superati i complessivi di 2011, 2010 e 2009: leggi l’articolo) e dopo il quadro tutt’altro che rassicurante fornito dall’ultima indagine del Sistema informativo Excelsior, con la sua stima di almeno altri 200 posti di lavoro dipendente in fumo entro la fine dell’anno nel Cremonese (bisogna poi sommare gli interinali, non presi in considerazione). Stima alla quale va aggiunta la dettagliata analisi che parla di contratti sempre più precari (leggi l’articolo).

LE ORE AUTORIZZATE E IL TRISTE PRIMATO CREMONESE

Nella nostra provincia il totale delle ore di cassa integrazione autorizzate nel periodo gennaio-ottobre 2012 è pari a 6.704.082. Se ne contavano 5.067.754 nello stesso intervallo del 2011. Questi numeri ci mettono primo posto tra le province, s’è detto, per crescita percentuale di ore di cassa: Cremona (32,29%), Bergamo (25,90%), Mantova (24,46%), Lodi (19,39%), Sondrio (17,39%), Lecco (14,47%), Varese (12,99%). Poi ci sono Como (1,82%), Pavia (-3,00%), Brescia (-3,52%), Milano (-6,20%).

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giacomo

    È molto triste constatare queste percentuali, ancora più triste vedere i nostri governanti attuali aumentare le tasse senza tagliare prima i tanti privilegi e sprechi esistenti. In questa situazione mai nessun imprenditore, dal più piccolo all’industriale, vorrà rischiare del suo per dare lavoro agli altri. Più semplicemente oggi come oggi chi si impegna in un’attività per creare lavoro rimane, per certo, dopo breve tempo a bolletta, “fregato” dalle mille complicazioni che via via portano dritti al fallimento. Inverosimile, è un sistema che brucia chi si impegna, si salvi chi può finché è possibile

  • Luis

    Cremona, povera bella addormentata che tutti snobbano e che riesce a farsi notare solo con eventi una o due volte l’anno

  • marci

    non so quanto poter sperare per il futuro

    • mary

      Anche io la penso allo stesso modo!
      Sto svolgendo il Servizio civile (sottopagatissima.. ma piuttosto che niente…) e fino a fine febbraio 2013 lavoro. Però sono in cerca da Maggio. Visto che il tempo vola ho anticipato la mia ricerca per un posto e un contratto “migliore”… Ma ancora nulla all’orizzonte. E sono molto sconcertata dalla difficoltà a trovar lavoro! son diplomata dal 2005 e questo è il primo “LAVORO SERIO” che ho fatto! che schifo l’italia!

  • dan

    e dove mettiamo le persone in mobilita’che se fortunati prendono ance dei soldi anon fare un tubo?non per colpe loro,sia chiaro!
    e chi si ritrova attorno ai 50 anni e nessuno lo vuole?
    e chi fa super super straordinari rubando lavoro ad altri?
    e il lavoro in nero a “rota de col”
    e i pensionati che lavorano ancora?
    e le aziende che vanno all’estero’
    forse il mondo del lavoro ha bisogno di una registrata?
    c’e’ bisogno di un genio alla marchionne?

    • mary

      o forse ci vuole una bella rivoluzione di quelle toste! una scossa per far ripigliare i VOSTRI POLITICI, perchè per me non sono i MIEI POLITICI!

  • Pippo

    Rallegriamoci. In Comune hanno assunto 32 ex precari e nonostante il danno erariale, sfamano 32 bocche in più.

    • marci

      e alle altre centinaia senza lavoro chi ci pensa?

  • TIZIANO CARINI

    Ma come ha detto Crocetta in Sicilia(di fronte alle centinaia/migliaia di posti pubblici in esubero)”Tengono famiglia……”