Un commento

Non spacciava droga, assolto il senegalese arrestato dai carabinieri

droga-direttissima

Non è uno spacciatore, Papa Fall, il 35enne senegalese residente a Cremona arrestato dai carabinieri il 27 marzo scorso con l’accusa di spaccio di droga. Oggi a processo il giudice Francesco Sora lo ha assolto. L’uomo, in aula difeso dall’avvocato Gianluca Monti, era stato notato in atteggiamenti sospetti in via Giacomo Alieri, nella zona di via Postumia. Le segnalazioni della presenza di un uomo di colore con capelli rasta erano state girate ai carabinieri che avevano voluto vederci chiaro. Successivamente l’imputato era stato visto entrare in un edificio e uscire pochi minuti dopo. Bloccato e controllato, aveva addosso uno spinello già pronto e 25 euro. Durante la perquisizione nell’abitazione, di proprietà di un cremonese (poi segnalato come assuntore), erano stati sequestrati un panetto di hascisc di 100 grammi confezionato, un taglierino, un bilancino, mdma e piccole quantità di marijuana. Secondo l’accusa, sarebbe stato il 35enne senegalese, arrestato in flagranza di reato, a portare lo stupefacente nell’appartamento. “Non c’è alcuna prova di questo”, ha detto l’avvocato Monti. Il mio cliente è stato trovato solo con uno spinello e in macchina non aveva nulla. Non ha precedenti, ha il permesso di soggiorno, è sposato con una ragazza italiana. Si è fatto un giorno in camera di sicurezza e 20 giorni di arresti domiciliari”. Per l’imputato, il pm onorario Silvia Manfredi aveva chiesto la condanna a nove mesi e 2.000 euro di multa. Il giudice ha accolto la tesi della difesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • LUCA

    a parte il fatto che il semplice possesso di droga dovrebbe essere considerato reato e portare in carcere, nel caso specifico questo soggetto è assolutamente inutile e dannoso in Italia per cui a casa sua e subito!