Commenta

Cremonesi cercatori di aerei trovano un P47 americano

cercatori-aerei

Scoperta sensazionale da parte dei ricercatori dell’«Air Crash Po» di Cremona, associazione che si occupa della ricerca di aerei caduti nell’ultima guerra mondiale. A Bernate Ticino il gruppo, che tra i suoi componenti vede Agostino Alberti, di Soncino, Stefano Merli, di Martignana Po, e Luca Merli, di Soresina, ha trovato nei boschi del Ticino, un’area verde pressoché irraggiungibile, i frammenti dell’aereo americano P 47 abbattuto il 14 settembre 1944. Si tratta di uno degli otto cacciabombardieri americani della seconda guerra mondiale che avevano base in Corsica. Tra i resti, anche un reperto unico: la targa del motore con il numero di serie che ha permesso di identificare con certezza l’appartenenza di quei pezzi di metallo al P47 pilotato da Harry Partridge, morto a 22 anni. Il certificato di morte del giovane volontario americano è stato ritrovato da Andrea Ranzini, presidente del Rotary Club di Magenta, negli archivi parrocchiali di Boffalora. Ranzini è riuscito a contattare il fratello di Harry Partridge, James, anche lui pilota. E’ stato proprio Ranzini a contattare l’associazione «Air Crash Po», il cui georadar ha scovato nei boschi diversi reperti che ora attendono di essere raccolti in un museo. Le ricerche sono iniziate nel 2003. Dopo dieci anni, il Rotary ha voluto onorare la memoria del pilota americano con una targa, posizionata nell’avvallamento dove l’aereo è caduto il 14 settembre del 1944. Alla cerimonia era presente Eleanor Partridge, 83 anni, una delle sorelle di Harry.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti