Commenta

Rette, Giunta verso la sospensione Ma la partita 'copertura' resta aperta

rette

Rette nelle scuole dell’infanzia. La Giunta si è presa l’impegno per la seduta di giovedì 18 luglio di sospenderne ufficialmente l’introduzione delle tariffe per l’anno scolastico 2013/2014 (leggi l’articolo). La questione della copertura finanziaria (servono 100mila euro), tuttavia, non si è ancora del tutto chiusa. C’è una lettera di intenti della Regione, arrivata il 3 luglio, che comunica il trasferimento di fondi all’Azienda Sociale del Cremonese (dai quali verrebbe stornata la copertura per la sospensione delle rette), ma i soldi nelle casse del Comune ancora non ci sono. C’è una lettera di impegno dell’assessore Luigi Amore, in qualità di presidente dell’Azienda Sociale Cremonese, per quanto riguarda la deliberazione dell’Azienda a favore dell’infanzia, ma il cda si riunirà il 7 agosto, 20 giorni dopo la delibera di sospensione. Intanto, la Giunta – ormai lo ha annunciato e non può più tornare indietro – stopperà l’introduzione delle tariffe nelle scuole per l’infanzia, senza però essere certa al 100% di avere quei soldi per farlo e con l’opzione di dover tagliare su altri settori. Intanto, i genitori devono perfezionare le iscrizioni dei propri bambini entro il 31 luglio e l’incognita copertura delle rette formalmente rimane. “Riusciremo in questa operazione al 99% – ha assicurato Amore – Dai 400mila euro in più dati dalla Regione all’Azienda Sociale cremonese, ne prenderemo 150mila da dedicare all’infanzia nei 47 comuni che compongono il distretto. Cremona ne otterrà 36mila più 50/55mila con cui coprire la sospensione delle rette. In più ci sarà una distribuzione di fondi per aiutare le famiglie in difficoltà con le tariffe negli asili, privati e pubblici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti