18 Commenti

Elezioni comunali, sindaco 'a 5 stelle'? 'Trentenni sono pronti a candidarsi' 'Grillini' verso le primarie

grillini

Nelle foto, Grillo a Cremona e Tegagni

Centrodestra e centrosinistra sono alla ricerca dei propri candidati al ruolo di sindaco. Le elezioni non sono lontane. Diversi sono ancora i nodi da scogliere. C’è ad esempio il caso Lega. Il Carroccio è stato chiaro: se ci sarà Perri nessuna alleanza con il Pdl, corsa solitaria. Oppure c’è la questione Pd: Galimberti sembra pronto a correre alle primarie, ma quali saranno gli altri nomi? Non ci sono però solo partiti e liste civiche tradizionali al lavoro in vista del 2014. Una sorpresa potrebbe arrivare dal Movimento 5 Stelle. Ha raggiunto buoni risultati alle ultime elezioni regionali e politiche. Forse, però, dovrà fare i conti con le questioni nazionali, con le polemiche che seguono gli interventi di Beppe Grillo e con le (presunte?) spaccature tra i ‘grillini’ eletti in Parlamento. Vicende che potrebbero influire a livello locale. I pentastellati stanno definendo il loro programma nel dettaglio. Poi sarà la volta di scegliere il candidato sindaco: qualcuno ha già intenzione di partecipare a queste primarie.

“Faremo le primarie, sicuramente. La data è da decidere. Stiamo definendo il programma, abbiamo contatti con comitati, associazioni, cittadini”, dichiara Alessandro Tegagni, esponente del Movimento 5 Stelle di Cremona. “Stiamo prendendo le nostre contromisure rispetto agli altri partiti. Ovviamente – prosegue – non faremo alleanze. Nel nostro programma elettorale ci sarà sicuramente il risparmio che arriverà da una riduzione di stipendi-premi dei dirigenti. Poi vogliamo rendere più vivibile la nostra città, con più verde, più piste ciclabili. Parcheggi? Il nostro obiettivo è ‘delocalizzare’ nell’area periferica e sfruttare i bus, anche piccoli ed elettrici, per i collegamenti con il centro. Pedonalizzazione? Siamo sostanzialmente a favore della chiusura del centro. Il Comune deve però aiutare di più i commercianti, su diversi fronti: meno tasse, più manifestazioni, e iniziative per favorire una riduzione degli affitti. Corso Garibaldi? Bisogna trovare soluzioni tutti insieme. Proprie in queste ore abbiamo in programma un incontro con i negozianti dell’area. Bisogna parlare di più con i cittadini”.

Chiudono le imprese, trovare un lavoro è sempre più difficile. “Serve un rilancio del territorio – va avanti Tegagni -. Il Comune, da solo, può fare poco. Può però cercare di tutelare maggiormente chi il lavoro non ce l’ha, lavorando in sinergia per aiutare queste persone e, magari, per favorire un possibile reinserimento lavorativo. Bisogna sfruttare di più i bandi europei per lo sviluppo territoriale. Il Comune deve cercare di guardare più lontano, puntando sull’estero per favorire turismo e attività commerciale. Altro punto importante sono le partecipate. Cercheremo di capire nel dettaglio il loro funzionamento, per cercare di risparmiare e per farle funzionare al meglio. Le partecipate sono sempre un lato misterioso delle amministrazioni comunali. Dovrebbero tornare ad essere gestite in modo ‘più pubblico’”.

Come sarà la campagna elettorale? “Noi – afferma Tegagni – siamo sempre attivi. Sabato promuoveremo le bellezze di Cremona con una biciclettata. Il 14 settembre faremo una conferenza sul tema ‘rifiuti-zero’. E poi incoraggeremo l’uso di un software, Q-Camber, che cerca di sensibilizzare il cittadino all’attenzione verso l’ambiente. In programma banchetti su problemi di diverso genere. Ora, come detto, stiamo sviluppando il programma. Noi puntiamo direttamente a prendere il sindaco. Paura di un calo? No, qui i cittadini hanno capito che noi stiamo facendo attività molto legata al territorio, qui non abbiamo i problemi di comunicazione che potrebbero avere a Roma, a livello nazionale”.

Qualcuno è già pronto a candidarsi alle nostre primarie? “Sì. Donne? Forse. Ci sono dei giovani, trentenni, interessati. L’idea principale è far votare gli iscritti, online. Ma nel caso di elezioni comunali potrebbe essere utile anche fare dei banchetti per favorire la partecipazione degli iscritti alle votazioni. Vedremo come fare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Quaqquaraqquà

    Avanti c’è posto, dilettanti allo sbaraglio! I premi ai dirigenti sono stabiliti dal contratto nazionale, è inutile che buttiate del fumo negli occhi! Per amministrare bene una città occorre sapere già dove andare ad incidere, non esiste che si dica: “dobbiamo capire come funzionano le partecipate”! L’attuale giunta ha sprecato i primi 4 anni solo per capire come si amministra, soltanto gli assessori che avevano prima avuto esperienza come consiglieri sapevano un po’come destreggiarsi…non ci si improvvisa sindaci! Andate a giocare al piccolo parlamentare al parco giochi, non sulla pelle dei cremonesi!

    • Andrea

      Sei proprio un quaqquaraquà , cosa significa dilettanti ? Vuol dire che ci sono i professionisti , cioè gente che per tutta la vita è in politica e non sa fare altro che giocare con i soldi dei contribuenti e così vediamo come si è ridotta l’Italia. Invece la politica deve essere un servizio che si fa alla collettività e poi si torna al proprio mestiere.
      Ma forse tu sei uno di quelli che ha goduto di questo sistema dove pochi ingrassano e tutti gli altri pagano.

      • Quaqquaraqquà

        Oh mamma mia ci si mette a giocare con le parole e a fare il solito qualunquismo! Si sta parlando di sindaco di Cremona, lascia perdere gli attacchi personali, non andare fuori tema per favore! E invece siete come la DC: dite che serve abbassare i costi, pagare meno tasse, più verde, più lavoro, e magari anche la pace nel mondo, ma mai nessuno che dica COME ottenere tutto ciò! Amministrare è molto più complesso di parlare a vanvera!

        • Joduro

          Nulla è molto complesso ! Basta applicarsi un minimo….. Ci vuoi far credere che solo il vecchio può far politica?

        • Diego Madoglio

          Allora andiamo avanti ancora cosi e rassegnamoci.

        • Enrico Lombardi

          Quaqquaraqqà la tua ignoranza è disarmante. Alzo le mani.
          Gente votiamo ancora le stesse persone!! fanno bene, sono bravi, puliti e sanno cosa significa governare bene. Sindaco, Assessori … tutto bene, barra dritta, vento in poppa e Quaqquaraqqà come dirigente dei dirigenti.
          Quaqquaraqqà for president.

          • Quaqquaraqquà

            Siete patetici, vivete nel mondo delle favole dove basta un tocco di bacchetta magica e tutto splende. Lo dimostrate a Roma: siete lì da mesi e non avete ancora mosso un dito per cambiare la legge sui premi ai dirigenti…e la volete cambiare stando in comune a Cremona, si vede che non avete ancora capito da che parte siete girati! Le leggi nazionali si cambiano a Roma, dove siete beatamente accomodati su poltrone ben pagate senza muovere un dito per cambiare questo paese. Andate avanti col vostro qualunquismo da bar se vi rende felici!

  • Andrea P.

    I soliti buffoni, hanno dimostrato a tutti come son stati bravi a Roma! Un saluto ad un votante, deluso, ex-attivista m5*!

    • Young

      Per uno che va cento ne arrivano.

      • Andrea P.

        Visto che io ci sto in quell’ambiente, semmai sto notando che 100 se ne vanno e 1 rimane…grazie alla politica cieca di Grillo.

  • Marta

    Tagliate in modo significativo il numero di dirigenti comunali e i loro stipendio/premi e fate lo stesso in Aem e nelle altre società controllate dal Comune e avrete sicuramente il voto della parte sana della municipalità

    • Alessandro Tegagni

      è uno dei obiettivi, su cui ci batteremo. Oltre che controllare cosa c’è dentro nelle partecipate..non ci sorprenderemo di nulla, ci aspettiamo qualsiasi cosa.

  • Luca

    Tegagni? ahahahaha…. ma dai per piacere, è uno scherzo vero?

  • Alessandro Tegagni

    al sig.Quaraqua.. : Le leggi nazionali si cambiano a Roma, corretto, peccato che abbiamo già presentato proposte per cambiare tutto ciò. Beatamente rifiutato dai governanti delle larghe intese, mail rifiuto non ci ferma. Poltrone ben pagate, le altre, il 70% dello stipendio dei nostri parlamentari è finito in un fondo per le pmi.
    Proposta girata a tutti i gruppi parlamentari e nessuno ha mosso un dito, a parte qualche timido politico, ma se ne contano sulle dita di una mano. Il sig.Quaraqua, è il critico medio qualunquista, che non mette sul piatto nulla, ma va bene anche così.
    Siamo abituati ad interfacciarci con gente o per partito preso, o pagata da chissachi, o facendo finta di essere chissà chi, allarga le sue competenze a parole, e non a fatti. Il sig. Quaraqua è uno dei tanti, nulla di più nulla di meno.
    Chi vuole votare i soliti, senza fare nulla oltre che lamentarsi che non cambia niente, si accomodi.
    Chi vuole proporre in modo costruttivo (c’è sempre poca gente disposta a farlo..), siamo qui a parlare, sedersi attorno ad un tavolo, e senza perdere tempo si fa e si fanno azioni per migliorare la situazione.

  • Badboy

    GRILLINO = NULLA….però connesso ad internet.

  • zaneen de la bala

    Quando si parla di 5 stelle la platea s’ infiamma, c’è il terrore che possa arrivare qualcosa di sano,trasparente e onesto. Chi ha mangiato fino ad oggi con questo sistema si troverà spiazzato. Ho votato già 5 stelle e lo farò ancora sempre più convinto di prima.

    • Tafazzi

      Brau cujon!

      • zaneen de la bala

        to mader