22 Commenti

"Cesare non è morto di freddo, no alle strumentalizzazioni"

zov

Foto Sessa

Cesare Zovadelli non è morto di freddo, “lo dice il certificato medico, e non è stato abbandonato”. E’ quanto ha affermato in alcune dichiarazioni rilasciate al quotidiano La Provincia da una familiare dell’uomo trovato senza vita in una casa popolare con riscaldamento staccato, Clara Ghizzoni. La donna ha evidenziato che l’uomo non era stato lasciato solo, che aveva accompagnato Cesare dal medico solo pochi giorni fa, poco prima del decesso, e ha aggiunto: “Ci dissociamo da qualsiasi manifestazione, non accettiamo strumentalizzazioni”. Clara, come riporta La Provincia, ha detto che a Cesare prima delle feste era stata diagnosticata una neoplasia dello stomaco e dell’esofago e che il 56enne era in attesa di risultati di altri accertamenti. “Cesare – ha affermato inoltre tra le altre cose la cugina – non lasciava trapelare tutto delle sue condizioni reali di indigenza, evitava di chiedere aiuto anche alla sua famiglia. Mi diceva che le bollette le pagava il Comune”. L’autopsia non è stata eseguita. Oggi i funerali di Cesare, alle 14,15 nella parrocchiale di Costa Sant’Abramo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nessuno mi può giudicare nemmeno tu

    ESATTO !!!! Infatti…l’autopsia non è stata eseguita !!

  • elia sciacca

    ma quali strumentalizzazioni è morto anche per il freddo, perché è stato abbandonato dalle istituzioni vedi servizi sociali e AEM, che non ha ripristinato il servizio visto le condizioni di salute del povero Cesare.

    • Maria Verdoni

      Sciacalli politici.. lasciate stare i morti.

    • Paolo pini

      Ma lei non aveva detto che non avrebbe più scritto?

      Detto questo cosa c’entra aem, se solo ce la facesse a capire qualcosa di veramente elementare si renderebbe conto della importanza dei servizi sociali… Unica istituzione che si può muovere in questo contesto…

      Poi se li c’è l’ha con aem…. Perché non la ricevono e quando decidono di ascoltarla… Le spiegano esattamente come stanno le cose e lei non può che controbattere con un “avete ragione” …. Di strada ne fa poca….

      • ex dipendente AEM

        Pini come si vede che sei giovane e non conosci elia .
        elia era un mio compagno di scuola quindi posso dire che lo conosco bene abitavamo a 50 metri di distanza al borgo ,se Elia inizia una cosa ti garantisco che alla fine al 99% la spunta lui. vedrai ……

  • francesco

    io faccio parte di un comitato di quartiere e di un comitato a difesa della salute e molti di noi la pensano come Elia lo abbiamo invitato ad una nostra assemblea che si terra al due miglia dopo le feste e renderemo pubbliche le nostre iniziative.

    • Yuri

      Con cosa è d’accordo? Con Elia del PD con Sciacca 5 stelle o con uno vicino alla Lega, ma prima si dichiarava di sinistra. Forse quella del PSI. Con quale versione?

  • francesco

    Yuri sono d’accordo con elia sciacca in quanto l’ho conosciuto quando faceva il presidente del consiglio d’istituto all’ APC di cremona dove frequentava mio figlio, e sono stato un suo scrutinatore al seggio di Bagnara, e conoscendolo molto bene non mi riguarda se era della lega PD PDL UDC lista monti liste civiche PSI PDC ,5 stelle , o l’esercito della salvezza, io ho circa cinquant’ anni, portati male, ma presumo che tu sia il classico provocatore che si diverte a sfottere le gente.

    • Yuri

      Sfottere vuol dire ricordare? Ricordare che un giorno uno dice una cosa ed il giorno dopo il suo contrario? Si allora sfotto.

      • francesco

        Yuri , pardon paolo pini continuate cosi che andate bene buon 2014

  • elia sciacca

    nessuno condivido la tua affermazione sull’autopsia mancata oggi è uscita una mia lettera sulla provincia e ho dichiarato proprio questo. nell’attesa che Pini, Yuri, Daniele che secondo me sono la stessa persona mi offendano e deridano come sempre, ti saluto

    • Daniele

      Buon anno signor Sciatta, ho letto che mi cercava, le sono mancato!
      Personalmente no.
      Visto che mi ha citato le auguro buon anno a lei ed ai suoi amici termotecnici.
      ecco un calendario che virtualmente le regalo http://larep.it/1eVrpxp
      scusi l’ironia, so che è un marchio di fabbrica del suo leader.

      ma non aveva scritto

      ” …UNA COSA è CERTA IO CON QUESTO SITO DOVE LA DIREZIONE NON INTERVIENE E NON ESISTE MODERAZIONE HO CHIUSO. BUON DIVERTIMENTO COME FARETE ADESSO SENZA LE MIE REPLICHE ,MAH …”

      il maiuscolo è suo

      “Pini, Yuri, Daniele che secondo me sono la stessa persona”

      Grazie ma uno e trino era altro, non ho un ego così divino.
      mi limito ad essere una semplice persona, una sola persona normale come altre.

      buon anno e buona campagna elettorale

  • Giulia

    Beh, non è morto per il freddo. Ma allora per che cosa è morto!?
    Se realmente è stata fatta quest’autopsia ci sarebbe una motivazione per la morte di questo signore!!! La cosa mi puzza di bruciato, se avevo qualche dubbio, dopo questo articolo ho ancora più la convinzione che sia morto di freddo!!!

  • elia sciacca

    giulia io la penso come te sono convinto anch’io che il freddo a cui è stato sottoposta a detta dei suoi amici di Borgo loreto per ben tre anni nell’ impotenza dei servizi sociali che non hanno avuto il coraggio civico di imporre all’Aem anche attraverso una denuncia pubblica mettendosi dalla parte dei poveri cristi, ma invece si danno soldi incarichi ai galoppini della politica ma prima o poi la gente si ribellerà e tutti i lecca culo che scrivono e difendono soprattutto AEm verrano presi a calci ne culo.
    ades vo a bever na butiglia per alename per stanott.
    ciao giulia el ciuk

    • Uno che conosce Elia Sciacca

      Sciacca devi precisare meglio le cose. Continuare a ripetere che la responsabilità è (solo) dei servizi sociali è strumentale e miope, non aiuta a capire cosa sta succedendo veramente.
      Le responsabilità, anzitutto, sono della Giunta, perché sono responsabilità ‘politiche’; quindi dell’assessore del settore Amore; quindi del direttore del settore.
      Dovresti sapere, perché tua moglie, da presidente del centro sociale anziani di Bagnara ha rapporti diretti col Comune, che quelle povere criste di assistenti sociali sono solo vittime della malagestione ‘politica’ e ‘amministrativa’ del settore. Sono in carenza di organico, hanno tagliato pesantemente le risorse, non hanno neanche i mezzi per spostarsi e andare, come dovrebbero, nelle periferie a incontrare le persone.
      Il fatto grave è che o si decide di investire seriamente nel welfare, evitando magari di dismettere servizi affidandoli al terzo settore (cattolico), facendo capire alla gente una buona volta che è un bene di tutti, che riguarda tutti e tutti devono pretenderlo (prima di violini, musei, piste ciclabili e altre amenità, o non ci sarà futuro. Neanche per quelli che oggi, con le palle al caldo, giudicano dall’esterno i fatti, spesso senza conoscerli.
      Se devi raccogliere consenso sulle tue battaglie, Sciacca, fallo in un modo più costruttivo. Credimi, sparare sulla croce rossa non serve a nessuno!

      • Andy

        State dicendo più o meno la stessa cosa, infatti sono d’accordo con entrambi. Ciò che è certo è che questo assessore e questa dirigente sono un binomio da film dell’orrore. Le assistenti sociali sono oberate dal lavoro, ma non tutti i dipendenti di c.so vittorio emanuele lo sono. La ragione è che si esternalizzano anche servizi che potrebbero essere gestiti internamente. Alcune professionalità sono lasciate in disparte perchè si “preferisce” fare ricorso ai chierichetti delle coop cattoliche. In realtà soprattutto di una coop.

        • Uno che conosce Elia Sciacca

          D’accordo con lei, vedo che mi sono fatto capire… Sul fatto che ci siano dipendenti che lavorano poco, è possibile, ma la responsabilità non è certo dei dipendenti (o meglio, hanno responsabilità sul piano deontologico e morale…). E’ del direttore, responsabile dell’organizzazione e dell’efficienza dei servizi. Se un dipendente lavora poco o, peggio, si imbosca, è il direttore che deve segnalarlo al direttore al personale affinché prenda provvedimenti. Invece ormai, al contrario, siamo alla farsa della ‘difesa d’ufficio’ dei servizi, senza la volontà di una valutazione critica di quanto accade…
          Personalmente sono anche disposto, da cittadino, a versare tasse purché si garantiscano servizi efficienti. Se oltre alle tasse, i dirigenti prendono premi senza che i servizi siano all’altezza della situazione…
          Si continua a ripetere da anni che il servizio pubblico non ha le risorse ed è necessario affidarsi al terzo settore, ma a mio modo di vedere è ora che la politica dichiari da che parte vuole stare: bisogna tornare a investire nel pubblico con regole di controllo della qualità più ferree e la volontà – sindacati o meno – di licenziare chi non sa o non vuole fare il suo lavoro…

      • elia sciacca

        Da come scrivi penso di conoscerti molto bene ma se mi conosci telefonami che forse ci capiremo meglio
        Quando parlo di servizi sociali, come ho scritto sui giornali mi riferisco alla giunta e all’assessore alla partita Amore, che sono responsabili di questo settore ,che da anni sta minimizzando la questione delle utenze tagliate, dicendo sempre anche in assemblee pubbliche che non possono fare nulla in merito ai tagli in quanto AEM non è più controllabile dal comune, da anni e che il sindaco può solo eleggere il presidente.
        SE l’assessore non dispone di fondi è logico che il sistema crolla, ma i svantaggi maggiori vanno sulla povera gente.
        IO non lavoro in comune e non faccio parte della giunta eppure di mia iniziativa ho incontrato il Sindaco l’assessore ,i vertici Aler, e il direttore ferrari AEM durante un incontro con la responsabile commerciale AEm ,mi aveva chiamato per un incontro informale, quindi come vedi non sto alla finestra a guardare il dramma, intervengo in prima persona e scrivo sui giornali anche se negli anni mi sono costate 5 denunce che si sono risolte tutte a mio favore , se mi sono interessato al caso taglio utenze o alle bollette esagerate l’ho fatto perché molte famiglie mi hanno chiesto di aiutarle, e mi hanno delegato firmando le deleghe che ho protocollato in comune, so benissimo che i servizi sociali non hanno le risorse necessarie, ma so anche che se sono al corrente che una persona è gravemente ammalata ed è al freddo devono prima rivolgersi all’assessore competente ,poi dal sindaco e se non è sufficiente denunciare il fatto pubblicamente, ma come tu sai benissimo visto che lavori in comune, non insistono per paura di perdere il lavoro .
        Quello che sto facendo lo faccio per tentare di risolvere il problema degli sprechi energetici ,che vengono fatti pagare alla povera gente quando AEM incassa ogni anno almeno 25 milioni dai vari incentivi sul teleriscaldamento, e non hanno il senso civico di riallacciare l’utenza ad un malato terminale.
        Mi hanno riferito proprio oggi che a borgo Loreto ce n’è un altro nelle stesse condizioni senza il riscaldamento domani andrò a vedere e se ciò corrisponde alla verità lo renderò pubblico ma come ti ripeto, non per farmi votare da Sindaco. se volevo farmi pubblicità o raccogliere consenso come dici tu mi sarei candidato sindaco, se leggevi la stampa dovresti sapere che ben tre schieramenti politici mi hanno chiesto di candidarmi.

        • Uno che conosce bene Elia Sciacca

          Sì, lavoro in Comune e non posso espormi con nome e cognome. Conosco la situazione e ti dico che le assistenti sociali denunciano quando ne sono a conoscenza le situazioni gravi a direttore e assessore del settore. Non omettono informazioni così gravi, sarebbe un reato (omissione di atti d’ufficio) oltre che inaccettabile sotto il profilo deontologico (rischierebbero una segnalazione all’associazione nazionale con possibili ripercussioni legali). Tra gli strumenti tecnici in uso, come dovresti sapere, esiste la relazione tecnica, la segnalazione per iscritto (anche via mail), la comunicazione orale in equipe… Le forme per comunicare non mancano e ti assicuro che nessuno fa finta di niente. Altra cosa, come dici, è la denuncia pubblica dei fatti che, come dovresti ben sapere, non è consentita dai regolamenti e dal codice del dipendente. Non è consentito all’assistente sociale comunicare per mezzo dei media locali direttamente con il cittadino. E’ un fatto di regole oltre che di diritto alla privacy. Continuare a confondere le responsabilità come fai non è corretto nei confronti dei lavoratori che seriamente provano ad affrontare i problemi. Perché non chiedi, oltre alle dimissioni di Amore, come mai a fronte dell’ultimo caso drammatico della morte del sig. Zovadelli, il direttore del settore non sente il dovere di dare spiegazioni pubbliche?
          Prendersela con le assistenti sociali è troppo comodo e sinceramente molte di noi ne hanno le scatole piene. Ci troviamo a dover contrastare problemi enormi senza risorse, con una politica miope e provinciale, con un ‘organizzazione che fa acqua da tutte le parti da anni e un sindacato che anziché difendere gli interessi dei cittadini fa finta di niente e comunque è ininfluente…
          E l’opposizione dov’è? In Giunta si ha l’impressione che si facciano balletti di desistenza per tirare a campare in attesa delle prossime elezioni… Intanto le persone soffrono, muoiono addirittura, in una città che sembra insensibile a tutte le cose che contano…

          • Andy

            Forse qualcosa mi sfugge, ma non mi pare che si stia in questa sede attaccando l’operato delle assistenti sociali.
            La dirigente è un problema ancora più grosso dell’assessore, dato che a differenza di quast’ultimo non cambierà tra qualche mese.
            Tra l’altro un blog locale ha a più volte descritto alcune curiose circostanze che hanno caratterizzato il concorso per la dirigenza.
            Per il resto, d’accordo con lei su tutta la linea.

        • Paolo pini

          Caro SIGNOR Elia Sciacca visto che non può utilizzare il titolo di ingegnere… Visto che non lo è.

          Lo sa che in ogni suo scritto riporta inesattezze….

          Secondo lei cosa vuol dire che aem non è controllabile dal comune? Che è corretto che i clienti non paghino le bollette? Guardi che l’unico che ha potere decisorio e’ l’assessorato ai servizi sociali?

          Lo Sa vero che aem non l’ha chiamata per un colloquio informale…. Ma semplicemente dopo sue continue insistenze con la segretaria hanno accettato di ascoltarla e le hanno spiegato…. Si spiegato come funziona il teleriscaldamento….. Peccato lei non abbia ancora capito…. Che il teleriscaldamento e’ una alternativa ad altre forme di riscaldamento CENTRALIZZATO…. E che durante questo colloquio… Si rannicchiava sempre di più sulla sedia….

          Per ultimo ma non meno importante… Presti attenzione quando riporta numeri relativi all’aem…. 25 milioni di incentivi ricevuti sul teleriscaldamento sono frutto della sua fervida fantasia…..

          Su non esageri con le boutade…..perché’ poi a spararle sempre più grosse non le crede più nessuno….

  • Daniele

    Buongionro, il rispetto alle richieste di discrezione di una famiglia che ha perso un caro dovrebbe avere la precedenza di fronte a tutto.
    Anche da chi cerca con il dolore di altri di farsi pubblicità.
    Anche da chi cerca un colpevole a tutti i costi non considerando di chi soffre della perdita.

    Usare la morte e la successiva costernazione collettiva non è umanamente corretto, tutti siamo stati colpiti dalla morte di questa persona.
    Il rispetto delle scelte di chi soffre una perdita è doveroso.