Commenta

Il meglio dell'arte contemporanea a Cà de Somenzi

DeCHIRICO-evid

Torna a Cremona, a Cà de Somenzi, la fiera d’arte contemporanea e moderna “Arte Cremona”, organizzata dalla S.G.P. di Stefano Pellicciardi, con la collaborazione del Comune di Cremona dove l’evento è stato presentato dal sindaco Gianluca Galimberti: “Abbiamo aperto volentieri le porte di palazzo Comunale per le mostre collaterali e chi fa piacere rendere fruibile questo bellissimo spazio comunale, dove le sale possono rivivere grazie alla creatività artistica. Voglio inoltre sottolineare l’importanza che ha per noi il collegamento tra eventi che si svolgono in Fiera e centro cittadino”. Tre giorni (inaugurazione ad inviti venerdì 13 marzo alle ore 18,30; apertura sabato, domenica e lunedì successivi)  di proposte espositive uniche, tra grandi nomi e giovani emergenti.

Grazie al successo delle scorse edizioni, ArteCremona si pone tra le dieci maggiori fiere dedicate all’arte moderna e contemporanea in Italia. Oltre 60 gallerie, accuratamente selezionate, proporranno il meglio della produzione artistica da metà Ottocento ai giorni nostri. Un appuntamento imperdibile per gli appassionati di arte e cultura, che avranno la possibilità di ammirare e acquistare opere di grandi nomi del panorama pittorico internazionale, ma anche di giovani emergenti. ArteCremona sarà infatti per tutte le tasche, con la possibilità di portare a casa un’opera che in futuro potrà crescere di valore. L’arte dunque come investimento, non solo per i collezionisti ma anche per i neofiti che si affacciano per la prima volta in questo mercato. La manifestazione, consolidatasi negli anni scorsi dove ha riscontrato la grande soddisfazione da parte degli espositori nonché il plauso del pubblico, ha una propria particolarità, ovvero la buona presenza di opere d’arte moderna: dall’astrattismo di Vedova, Scanavino, Burri, Kandinsky e Crippa, all’arte concettuale di Arman e Mario Merz. La piazza di Cremona è nota per la sua caratterizzazione per l’arte moderna, che attira collezionisti e appassionati del genere da tutta Italia.

Oltre all’offerta espositiva delle gallerie partecipanti, ArteCremona si arricchirà di eventi collaterali, in fiera e fuori fiera. Tra i momenti più alti a livello artistico si preannuncia la singolare e spettacolare performance di Angelo Brescianini, artista lombardo che darà vita ad una perfomance artistica il giorno dell’inaugurazione venerdì 13: Brescianini realizza le sue opere ‘sparando’ colore da fucile o pistola su supporti di acciaio. Nell’area esterna del padiglione fieristico, lo scultore cremonese Gianfranco Paulli esporrà il suo ‘Inno alla vita’, copia dell’originale commissionato per l’ospedale le Madre Teresa di Calcutta di Tirana; e campeggerà una nuova installazione di Riccardo Bergonzi, che, attraverso l’esposizione di quattro manichini che tengono in braccio altrettanti violoncelli, lancia un segnale di speranza per una pronta ripresa del lavoro e della cultura.

Altro interessante appuntamento è quello con la Galleria Nuovospazio e il giovane artista romagnolo Daniele Cestari, che fino al 12 marzo espone nella Sala dei Violini di Palazzo Comunale una quindicina di oli su tela di vario formato inediti, caratterizzati da una ricerca del vivere cittadino. Come scrive Cestari, «le mie città sono contenitori di episodi le pagine bianche di un libro dove leparole sono scritte da chi ci abita, da chi vive la città. Le persone, nel loro vivere, creanogli episodi che dipingo. Immaginatevi di passeggiare e guardare le finestre accese deipalazzi e provate a narrare le storie delle persone che ci abitano, saranno storie diversetra loro, ma pur sempre storie di uomini. E gli uomini fanno la città».

Infine, la Galleria Scoglio di Quarto (rappresentata in conferenza stampa da Francesco Pagliari) conclude il tris di personali iniziato a febbraio con la mostra di Lorenzo Bocca, “Geometrie” e proseguita (fino al 19 marzo) con i quadri del messinese Alvaro e infine con una mostra di Filippo Soddu, artista che presenta la propria personale “Note nello Spazio” presso la Galleria dell’Hotel Delle Arti: inaugurata sabato 7 marzo, la mostra rimarrà visitabile fino al 30 aprile. Completa l’offerta la personale di Gil Macchi “Provenza – soffia il mistral”, presso la galleria Cremonabooks, in largo Boccaccino 12, fino al 19 marzo.

Orari: sabato 14 e domenica 15 dalle 10 alle 20; lunedì 16 dalle 10 alle 14. Ingresso: intero 8 euro, ridotto 5 euro (militari, invalidi, bambini da 11 a 14 anni); omaggio bambini fino a 10 anni. Per info: SGPeventi, Tel. 059 643664. www.artecremona.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti