Commenta

Un chilo di droga nel motorino, fermato al parcheggio dell'ospedale

dr-evid

E’ stato trovato in possesso di un chilo di droga, ed è finito in manette. Ad essere dichiarato in arresto è stato un italiano di 61 anni, Edoardo Balestreri, pregiudicato, residente in provincia di Cremona. Ad operare l’arresto sono stati, venerdì scorso, i militari della guardia di finanza del comando di via Zara. L’uomo era da tempo sotto indagine. I suoi spostamenti sono stati attentamente controllati da parte degli uomini delle fiamme gialle che venerdì verso le 8 del mattino hanno deciso di agire. Il 61enne, che secondo i militari aveva organizzato un canale di smercio a Cremona, tenuto conto delle sue assidue frequentazioni con soggetti tossicodipendenti, era in sella al suo motorino al parcheggio dell’ospedale Maggiore quando è stato fermato dai finanzieri che hanno trovato lo stupefacente nascosto nel bauletto portaoggetti del motorino. Complessivamente sotto sequestro è finito un chilo di eroina e 30 grammi di cocaina: due panetti di eroina ed alcuni involucri di cocaina, abilmente camuffati con del cellophane e custoditi all’interno di una borsa della spesa insieme ad alcuni prodotti alimentari. Durante la perquisizione domiciliare, invece, sono stati sequestrati due telefoni cellulari e tutta l’attrezzatura necessaria per il confezionamento della droga. Il pregiudicato, padre di sette figli e destinatario di un assegno dall’Inps dell’importo di 6.000 euro all’anno, è stato condotto al comando e poi dichiarato in stato di arresto con l’accusa di  detenzione e spaccio di stupefacenti. Questa mattina in carcere si è tenuto l’interrogatorio di convalida davanti al gip Letizia Platè. Il 61enne è difeso dall’avvocato Raffaella Parisi che per il suo assistito ha presentato istanza per ottenere gli arresti domiciliari. Sulla misura, il gip si è riservato la decisione. I finanzieri sono convinti che al parcheggio dell’ospedale il cremonese aspettasse qualcuno a cui avrebbe dovuto consegnare lo stupefacente.

Sara Pizzorni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti