Commenta

Florovivaismo, Cremona seconda
in Lombardia: 901 ettari coltivati

Cremona eccelle nel florovivaismo, seconda solo a Mantova (rispetto al resto della Lombardia), con ben 901 ettari coltivati (Mantova ne ha 1.768). Emerge da una indagine di Coldiretti Lombardia.

Cremona eccelle nel florovivaismo, seconda solo a Mantova (rispetto al resto della Lombardia), con ben 901 ettari coltivati (Mantova ne ha 1.768). Emerge da una indagine di Coldiretti Lombardia, che evidenzia però come, rispetto al 2008, il fatturato delle aziende del settore “si sia ridotto di circa il 40 per cento, arrivando a circa 215 milioni di euro all’anno”. Ciò nonostante, “con il 10 per cento della produzione vivaistica nazionale, la Lombardia resta al secondo posto dietro solo alla Toscana (che pesa per il 54 per cento del totale)”.

Il problema riguarda anche il fatto che l’importazione delle piante dall’estero sta fortemente penalizzando la nostra floricoltura. A livello regionale, su tutta la filiera del verde, operano circa 5mila imprese che danno lavoro a più di 14mila persone. In Lombardia la superficie dedicata al florovivaismo supera i 6 mila ettari e le province più vocate sono Mantova e Cremona, mentre Monza Brianza, Lecco, Varese e Como hanno puntato su produzioni specializzate. Secondo l’ultimo censimento dell’agricoltura, le superfici florovivaistiche a livello provinciale sono così distribuite: Varese 322 ettari, Como 480, Sondrio 12, Milano 324, Bergamo 475, Brescia 843, Pavia 232, Cremona 901, Mantova 1.768, Lecco 337, Lodi 104 e Monza Brianza 362.

© Riproduzione riservata
Commenti