Commenta

Romeno malmenato e rapinato
di 35.000 euro in area di servizio,
un arresto della stradale in A21

La vittima viaggiava su un pullman insieme ad altri connazionali. Dalla Spagna stavano tornando in Romania. Con loro, i risparmi maturati durante l’attività lavorativa all’estero, particolare che non è sfuggito ai rapinatori.
Le immagini estrapolate dalle riprese delle telecamere

di Sara Pizzorni

Un arresto per rapina aggravata e una denuncia per lo stesso reato in concorso. Questo il bilancio di un’operazione della polizia stradale di Cremona guidata dal comandante Federica Deledda che ha identificato e rintracciato B.F.I., 38enne romeno con alle spalle reati contro il patrimonio e destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 3 novembre scorso dal giudice del tribunale di Piacenza Adele Savastano. L’uomo è stato fermato presso l’area di servizio A21 di Cremona Sud e arrestato. Un complice è invece stato denunciato a piede libero.

L’indagine ha visto la collaborazione della polizia romena, che ha fornito ai colleghi cremonesi utili informazioni per arrivare a rintracciare i responsabili di una rapina che ha fruttato 35.000 euro. Il colpo è stato messo a segno il 6 settembre scorso verso le 11,30 all’area di servizio A21 Piacenza – Nure Sud ai danni di un romeno. La vittima viaggiava su un pullman insieme ad altri connazionali. Dalla Spagna stavano tornando in Romania. Con loro, i risparmi maturati durante l’attività lavorativa all’estero, particolare che non è sfuggito ai rapinatori. Il romeno preso di mira è stato prima immobilizzato, poi malmenato e infine derubato di 35.000 euro, denaro che gli sarebbe servito a pagare la sua casa.

macchina

Le indagini condotte dalla squadra di polizia giudiziaria della stradale di Cremona hanno permesso di identificare il rapinatore romeno come uno dei componenti di un gruppo di criminali itineranti che lungo le principali arterie autostradali cercava e pedinava pullman di linee internazionali, facilmente identificabili per targhe e diciture laterali dell’azienda turistica. La banda di rapinatori ha atteso la sosta dell’autobus, dopodichè ha attirato i passeggeri con il gioco d’azzardo delle “tre campanelle” con il fine di derubare i viaggiatori dei contanti in loro possesso.

Un’indagine lampo, quella della stradale di Cremona, che in meno di un mese, attraverso il certosino incrocio di testimonianze, l’acquisizione di immagini registrate dalle telecamere presenti sul luogo, con attenta comparazione delle diverse inquadrature e lo scambio di informazioni investigative con le polizie estere, ha permesso agli inquirenti di individuare l’autovettura degli autori del reato e di identificare il capo del sodalizio criminoso, nonché uno dei suoi complici. Gli inequivocabili elementi indiziari raccolti hanno permesso all’autorità giudiziaria di emette un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del 38enne romeno, già conosciuto con altri alias e in Italia senza fissa dimora.

La mattina del 16 novembre scorso, mentre si trovava all’interno dell’area di servizio di Cremona Sud, l’uomo è stato riconosciuto da uno degli agenti che ha immediatamente avvertito i colleghi. Al termine degli accertamenti, il romeno è stato arrestato e condotto in carcere a Cremona.

Il romeno arrestato

Il romeno arrestato

 

© Riproduzione riservata
Commenti