3 Commenti

Un albero per ogni bambino
In via Bredina nasce primo
lotto del “Bosco dei Nati”

Foto Sessa

L’area di proprietà comunale posta in via Bredina, angolo via S. Ambrogio, sarà destinata alla realizzazione del primo lotto del “Bosco dei Nati”. Lo ha deciso la Giunta nella seduta odierna. Si tratta di una zona verde di 9400 mq che ha come destinazione urbanistica “Sport e tempo libero, verde pubblico”. Per la progettazione e la realizzazione dell’opera il Comune si avvarrà del Consorzio Forestale Padano.

In base a disposizioni legislative, che risalgono al 1992 e al 2013, i Comuni che hanno una popolazione superiore ai 15mila abitanti sono tenuti alla piantumazione di un’essenza arborea per ogni nuovo nato registrato all’anagrafe o adottato.

“Per questo scopo abbiamo individuato l’area verde di via Bredina – dichiara l’Amministrazione – in quanto collocata in una zona residenziale densamente abitata, nel quartiere S. Ambrogio, che sarà così dotata di un ampio spazio verde usufruibile da tutti. Verrà riqualificata una vasta superficie sino ad ora inutilizzata, andando così ad accrescere il patrimonio arboreo cittadino in un contesto caratterizzato anche da insediamenti industriali. Un progetto che da un lato risponde all’esigenza di arricchire quartieri periferici di spazi di aggregazione e di svago, dall’altro alla volontà di una sempre maggiore attenzione alla realtà ambientale del territorio attraverso la rivitalizzazione di aree sino ad ora non fruibili”.

L’area verrà dedicata parte a bosco e parte a prateria con un percorso pedonale. Alberi e arbusti autoctoni saranno messi a dimora dal 21 marzo. Inizia così il percorso che prevede, in vista della Giornata nazionale dell’albero in programma il 21 novembre, la realizzazione completa del “Bosco dei Nati”.

Per la realizzazione del progetto, fortemente voluto dall’Amministrazione e per il quale hanno lavorato in stretta sinergia le assessore Alessia Manfredini e Rosita Viola insieme a  vari Settori comunali, sono stati coinvolti il Comitato di quartiere, le Guardie ecologiche volontarie e studenti. Sono stati proprio gli alunni del corso di grafica dello Ial ad elaborare, insieme ai loro docenti, il logo del bosco che sarà scoperto in occasione della piantumazione del primo albero in programma il 21 marzo.

“Un gesto civico e di amore per la natura – il commento delle Assessore Alessia Manfredini e Rosita Viola – importante per sensibilizzare tutti al rispetto dell’ambiente e della natura a favore della nostra salute e di quella dei nostri bambini. Un percorso che inizia con via Bredina, quartiere residenziale accanto ad un impianto produttivo, e che si vuole estendere, nei prossimi anni, in collaborazione con i comitati di quartiere, in altre aree del territorio comunale dal momento che a Cremona ogni anno nascono 500 bambini”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    Bella l’idea del Vice Sindaco Tadioli, penso che almeno 5.000 piante siano già state messe a dimora davanti al depuratore e davanti all’inceneritore…

  • ale

    OTTIMA progetto , verde e fruibile dalla popolazione ….. però come per ad ogni oggetto deve essere effettuata MANUTENZIONE ordinaria costante delle essenze arboree ed arbustive; guidata non da un ( per esempio ) Tecnico Edile ( che saprà ben poco di cura degli alberi ) ma da un professionista Arboricoltore Certificato ( esperto nel settore “alberi ” laureato in materie agrarie ed ambientali )

    • Lucio Bottini

      Esatto, questo è’ il problema’ la manutenzione degli alberi deve essere fatta da personale qualificato, non da aziende che capitozzano gli alberi in città , come sta avvenendo quest’anno, infatti l’appalto è’ stato assegnato ad una società che si occupa di scavi e demolizioni !