Commenta

Innovazione e bandi
regionali, un incontro
sul tema a Palazzo Vidoni

Fare innovazione vuol dire anche cogliere le opportunità dei bandi regionali. Proprio per questo la presidente del Gruppo It di Confcommercio Deborah Ghisolfi, ha organizzato nelle scorse ore a Palazzo Vidoni un incontro con il consigliere Carlo Malvezzi. “Abbiamo preso spunto dalla recente pubblicazione di due bandi importanti dedicati alle PMI: quello sulla sicurezza e quello sullo start up (o sul re-start). E’ stata occasione per un confronto aperto sui temi del commercio”. Oltre a Deborah Ghisolfi all’incontro hanno partecipato anche il presidente di Confcommercio Vittorio Principe, la sua vice Nadia Bragalini, il presidente di AscomFidi Federico Corrà e Marco Stanga, che guida il gruppo moda. Con loro c’era anche il segretario generale della Associazione Paolo Regina. L’incontro è stato quindi occasione per una riflessione più ampia sul tema dello sviluppo territoriale. “Regione Lombardia ha messo in campo iniziative concrete e positive per la crescita delle pmi – conferma Vittorio Principe – Si tratta di progetti utili e strategici, perché partono dalla “identità” lombarda e valorizzano le eccellenze, spingendole a ricercare livelli sempre più alti. L’alleanza pubblico privato da sempre è un punto di forza del nostro territorio. Come Confcommercio abbiamo saputo cogliere appieno questa opportunità, come dimostra l’impegno concreto con i Distretti. O, ancora la attenzione alle Botteghe storiche o alle reti d’impresa. Se penso al futuro del nostro settore vedo, nella attenzione della Regione, un motivo di speranza”.

Rilancia il consigliere Malvezzi: “Ci sono segnali deboli di ripresa che noi vogliamo sostenere con le nostre azioni. Credo che mai in passato ci siano stati così tanti progetti finanziati per le piccole e medie imprese, così come per il commercio. Questa è la strada giusta che vogliamo continuare a seguire”. “Per noi in Lombardia ‘economia reale’ significa territorio  – continua il consigliere Malvezzi. Se guardiamo a Cremona significa le circa 27mila imprese che, come Regione, siamo impegnati a sostenere”.

Guarda con attenzione ai progetti legati all’innovazione e alle reti la presidente del gruppo It Deborah Ghisolfi. “Due reti d’ impresa su dieci in Italia – dichiara – sono in Lombardia. Seguire la strada dell’innovazione è necessario per consolidare quella competitività che da sempre contraddistingue le imprese lombarde. Anche localmente l’attenzione su questo tema è massima”. Infine Nadia Bragalini che ha auspicato una attenzione ancora più forte all’imprenditoria femminile. “Le donne rappresentano un importante motore per il sistema produttivo, una componente in costante crescita. Anche nel terziario che si conferma, in ambito locale, come il comparto dove più forte è la presenza di imprenditrici.  L’attività delle donne che guidano o vogliono creare un’azienda necessita di sostegno e stimoli per essere competitiva sul mercato del lavoro. Agevolare e sostenere l’imprenditoria femminile significa accrescere la competitività della nostra regione”.

© Riproduzione riservata
Commenti