Commenta

La Festa del Torrone
scalda i motori: 9 giorni
di eventi a 360 gradi

E’ partito il conto alla rovescia per l’edizione 2016 – la 19esima – della Festa del Torrone di Cremona. La kermesse si svolgerà da sabato 19 a domenica 27 novembre, per 9 giorni di festa che trasformeranno Cremona nella capitale europea del gusto. Da un lato ci saranno i banchi del torrone, tra gli 80 e i 100, che occuperanno piazza Stradivari, Largo Boccaccino, via Gramsci e via Lombardini.

Dall’altro lato, nei corsi Campi, Garibaldi e Mazzini verranno crearti dei punti di degustazione. Saranno anche punto di transito dei numerosi spettacoli itineranti, da parte di bande, artisti di strada e altro.

“Filo conduttore della festa sarà il tempo, che si allaccia alla mostra dedicata a Janello Torriani, perché la Festa del Torrone non è solo una fiera enogastronomica: essa coagula attorno a sè la vitalità di questa città, culturale ed economica” ha commentato il sindaco Gianluca Galimberti. “Questo evento rappresenta la necessità di immettere innovazione e sviluppo nei filoni tradizionali come gastronomia e musica”.

Uno dei principali obiettivi della società organizzatrice, Sgp Eventi, è eguagliare i numeri dello scorso anno: nel 2015 sono state 300mila le presenze in nove giorni, oltre 300 pullman arrivati in città, 500 camper da tutta Italia, ristoranti e locali della città assediati dai visitatori, 270 tonnellate di torrone venduto e quasi cento espositori”.

Tantissimi gli eventi organizzati per questa edizione. A partire da importanti conferme, come l’immancabile rievocazione storica del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, domenica 20 novembre, nella fascinosa cornice di Piazza del Comune, a seguito della sfilata per le vie del centro storico della città tra le acrobazie degli sbandieratori, musicisti e le splendide figure delle dame e dei cavalieri.

Verranno esposte le costruzioni gigante in torrone Sperlari, delle precedenti edizioni, e confermatissimo è anche lo spettacolo finale, momenti eccezionale e travolgente che esprimerà suggestive ambientazioni, grandi effetti scenografici e musiche coinvolgenti. “Quest’anno cade il 180º compleanno di Sperlari, che terrà i principali festeggiamenti proprio in concomitanza con la festa. Quest’anno la tradizionale costruzione gigante sarà una torta a base di torrone, che arà distribuita domenica 27 novembre in piazza del Comune ai presenti” spiega il portavoce Enrico Manfredini. “Verrà anche allestita un’esposizione, sotto la Loggia dei Militi, che ripercorre la storia dell’azienda. Appuntamenti anche con le degustazioni: lo chef cremonese Enrico Malinverno realizzerà un piatto pensato per i 180 anni di Sperlari, che verrà degustato sabato 26 novembre”.

Anche Rivoltini sarà protagonista con molti eventi: il lancio di un nuovo prodotto a base di Torrone, la realizzazione di un album da colorare per i bambini sul tema delle liuteria, e le immancabili disfide: “Il primo sabato della manifestazione i cuochi cremonesi si sfideranno nella preparazione di piatti a base di prodotti tipici del territorio come il provolone e il salame” evidenzia Massimo Rivoltini. “Il secondo sabato invece la sfida riguarderà la realizzazione di un dolce che rappresenti l’est lombardia (Cremona, Mantova, Brescia e Bergamo), con un ingrediente per ognuna delle province che lo compongono”.

Ovviamente, trattandosi delle Festa più dolce d’Italia, imprescindibili saranno le degustazioni di torrone in mille varianti di abbinamento, per poter apprezzare e scoprire sempre nuovi modi per gustare al massimo lo squisito dolce cremonese.

Come ogni anno, poi, la Festa avrà molti ospiti prestigiosi che interverranno durante la kermesse, e a due di loro sarà consegnato il tradizionale Torrone d’Oro, riconoscimento che premia chi rappresenta Cremona ed il suo territorio in Italia e nel mondo, che quest’anno andrà a due cremonesi che sono voci celebri di radio dj, Andrea Marchesi e Michele Mainardi.

“Non poteva mancare nemmeno un omaggio ad un grande cremonese del recente passato come Ugo Tognazzi, al cui genio sarà dedicata, la proiezione cinematografica “Ritratto di mio padre” mercoledi 23 novembre, ore 21 presso il Teatro Filodrammatici” aggiunge Stefano Pelicciardi, organizzatore dell’evento. “Ad ingresso gratuito, il film racconterà il genio, l’estro e il grande talento dell’indimenticabile Ugo”.

La Strada del Gusto Cremonese partecipa alla rassegna conpercorsi gastronomici studiati per proporre piatti ispirati alla sua figura e realizzati da dieci ristoranti di tutta la provincia di Cremona. Le rivisitazioni proposte dagli chef daranno piena soddisfazione ad ogni palato, nel rispetto della tradizione. Il piatto più buono verrà premiato durante la giornata finale della Festa del Torrone, domenica 27 novembre.

Senza dimenticarci della grande eccellenza mondiale di Cremona, la liuteria, patrimonio immateriale dell’Unesco e anima della città lombarda. Audizioni, visite, laboratori, concerti, degustazioni dove protagonista sarà il violino e, più in generale, l’eccellenza dell’artigianalità musicale cremonese.

Inoltre l’area commerciale sarà sempre attiva nel corso dei nove giorni, in modo che tutti i visitatori possano esaudire i loro desideri per un dolce shopping.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti