Commenta

Ciclabile in via Chiese e
nuovi sensi unici: il progetto
di viabilità per quartiere Po

Come preannunciato dalle anticipazioni su via Toti (istituzione di senso unico) il Comune ha ripreso in mano il dossier che rivede la viabilità in tutto il comparto del quartiere Po, lato destro, rispetto al viale, provenendo dal centro città verso la periferia. Inversione di sensi unici, creazione di pista ciclabile, divieti di sosta sono gli elementi salienti della proposta dell’Ufficio Traffico, ora al vaglio dei residenti del quartiere. Nessuna decisione è stata ancora presa; accontentare tutte le esigenze sarà difficile, ma questo è un primo passo verso un riordino viabilistico che anche la precedente amministrazione Perri, aveva tentato di avviare, senza poi concretizzarla.

Partendo dalla fine del viale, dunque, oltre alla creazione del senso unico in via Toti, dalla periferia al centro, un’importante modifica viene prevista in via Ciria, con il divieto di sosta lungo tutto il lato destro (il lato opposto, rispetto all’ingresso del Simply). Via Paolucci de’ Calboli vedrebbe invertito il senso di marcia (da centro a periferia), mentre via Lago Gerundo diventerebbe a senso unico (da periferia a centro) per tutta la sua lunghezza, fino all’incrocio con via Mella. Novità anche per via Ticino, attualmente a senso unico fino all’incrocio con via Oglio e poi a doppio senso fino a via Serio, nonostante la carreggiata sia strettissima: il senso unico, con la nuova viabilità, varrebbe per tutta l’estensione della via.

Su via Oglio, sempre trafficatissima nelle ore di punta per la presenza della scuola elementare e sede della farmacia di quartiere e di altre attività commerciali, è prevista come possibilità la creazione di un senso unico, in entrata dal viale verso via Mincio. Con l’avvertenza, scrivono i tecnici comunali in una nota alla tavola di progetto, che l’operazione è “da valutare con attenzione in funzione delle attività commerciali ivi ubicate, in virtù della deviazione di percorso lungo via Mincio e via Serio”, (strade che in questa fase non vengono toccate dalle modifiche).
Profondamente rivista è invece la viabilità in via Chiese. Da via Trebbia fino a via Mincio è prevista l’eliminazione della sosta lungo un lato; al suo posto, una pista ciclabile bidirezionale e l’istituzione del senso unico in direzione da Trebbia a Mincio. Ma il senso unico non è considerarsi un imperativo: data l’ampiezza della strada e il traffico che è prettamente residenziale, annotano i tecnici, il transito delle biciclette avviene in ogni caso in sicurezza.

IL PROGETTO DI RIORDINO VIABILISTICO

g.biagi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti