8 Commenti

Le frasi scomode di Trump
accendono la polemica
anche a Cremona

Già da un paio di giorni (da quando è stato diffuso il sonoro delle dichiarazioni di Trump su donne e vip) un post su Facebook di Andrea Virgilio, nome di spicco del Pd oltre che assessore all’Area Vasta, sta suscitando un acceso dibattito virtuale.

L’eco della campagna elettorale americana si fa sentire anche tra i politici cremonesi. Già da un paio di giorni (da quando è stato diffuso il sonoro delle dichiarazioni di Trump su donne e vip) un post su Facebook di Andrea Virgilio, nome di spicco del Pd oltre che assessore all’Area Vasta, sta suscitando un acceso dibattito virtuale. Tutto giocato attraverso le tastiere dei computer, contrassegnato da valutazioni ponderate e da parecchie battute ‘da spogliatoio’, come lo stesso Trump, tanto per restare in tema, ha definito le proprie dichiarazioni nel faccia a faccia televisivo con Hillary Clinton della scorsa notte.

“Trump precipita nella sua volgarità…..in fondo la volgarità è la sola narrazione di cui dispone la destra, dagli Usa fino alle nostre caricature locali”, scrive Virgilio, incassando subito la risposta di Federico Fasani, che in consiglio comunale siede tra i banchi del centrodestra: “Io sono di destra ma non mi sento volgare…..come facciamo?”. “Dai Padri Fondatori alla Pajetta al Marino de noantri, credo che ciascuna parte si debba tenere, in silenzio, i propri campioni” controbatte Flaminio Cozzaglio, noto commentatore politico cremonese, autore di un blog  molto seguito.

“Già. … così in silenzio che i vostri campioni li avete spesso sul podio!”, incalza Virgilio, con un chiaro riferimento a Berlusconi. Cozzaglio replica tirando in ballo le incongruenze della sinistra al governo cremonese, i centri sociali e la promessa mancata di chiudere le sedi o perlomeno di ridurle ad una sola, concludendo che “entrambi abbiamo ‘campioni’ siffatti, curiamoci dei nostri invece di mettere alla berlina gli altri; infine, se Trump è mio, prova a pensare a tutti i tuoi ben distribuiti nel mondo, cominciando dalla Corea del Nord!”.
“No Andrea, questa volta non mi trovi d’accordo e credo tu abbia fatto un .. grande scivolone. Le Persone, Andrea, sono di qualità o pessime, indipendentemente dall’appartenenza politica. Ci mancherebbe! Mi spiace molto questa tua uscita”, scrive Nicoletta De Bona, una lunga militanza nella destra cremonese e assessore al commercio con Oreste Perri.
Se le reazioni da destra sono le più piccate (Fossi in te penserei un poco a certi presidenti di Regione…a Renzi, Serracchiani (…) Ma dai! Che brutta butade populista e priva di significato”; “Preferisco la volgarita’ sincera di certi politici che la falsità di altri, Renzi docet!”), ci sono anche quelle di esponenti dello stesso partito di Virgilio. Scrive ad esempio Matteo Maestrelli: “Ci sono tanti tipi di volgarità, da quella becera di Trump ( che è la caricatura del Berlusconi dei tempi d’oro) a quella meno appariscente che tende a colpire le persone per quello che rappresentano o che sono e non per quello che fanno. È volgare attaccare Napolitano chiamandolo ‘salma’ così come chiamare Galimberti ‘professore’ e non sindaco tanto x sminuire il suo ruolo istituzionale facendone una caricatura; è volgare chiamare ‘l’assessore al rudo’ tanto per accomunare la persona alla spazzatura e delegittimarla. Ci sono tanti tipi di volgarità, tutte comunque accomunate dalla mancanza di rispetto per la persona anche se avversaria politica”.
Commenta il post anche Ferdinando Quinzani, momentaneamente uscito dalla scena politica ed esponente critico del centrodestra cremonese: “Bisogna ammettere che il Partito Repubblicano ha boicottato Trump in tutti i modi e che molti suoi esponenti invitano a votare Clinton…. Trump non è stato né scelto né tantomeno sostenuto dall’establishment della destra USA. Senza scordarsi mai che là non esistono un vera destra e una vera sinistra”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Fa piacere sapere che quelli del PD a Cremona si preoccupino di Trump invece dei problemi della Città.

  • Romualdo Balocci

    la registrazione emersa dopo 10 anni mi ricorda le registrazioni rubate da edgar hoover ai vari presidenti usa per poi inguaiarli al momento giusto ( vedi jfk)

    • antonio1956

      ….usati per tenerli in scacco.

  • antonio1956

    Stucchevole il botta e risposta dei politici de’ noantri, nel senso di Cremona, che palesa il loro spessore culturale. Nel senso che anziché dibattere di temi lontanissimi ma. evidentemente, per loro molto sentiti, farebbero meglio a occuparsi di temi locali; il caso Jelena, su tutti: evitando di cercare nel “sistema” la redenzione all’ignavia. Che non è una diatriba tra un assessore e un ex assessore ma un problema di umanità sofferente non percepito.

    • Italiana

      Immagino che lei si interessi parimenti agli altri connazionali di Jelena… In ogni caso sarebbe meglio ricordare che nessuno di noi ha visto ne’ sentito i colloqui che la signora ha avuto con gli operatori, e quindi non si dovrebbe puntare il dito

      • antonio1956

        Gent.ma Italiana, non sono un eletto e non ho responsabilità da eletto. Nel mio piccolo qualcosa comunque faccio. E riguardo al dito puntato ho semplicemente messo a confronto fatti avvenuti e probabilmente sottovalutati con battibecchi che trovo abbastanza puerili.

  • antonio1956

    “Bisogna ammettere che il Partito Repubblicano ha boicottato Trump in tutti i modi e che molti suoi esponenti invitano a votare Clinton…. Trump non è stato né scelto né tantomeno sostenuto dall’establishment della destra USA. Senza scordarsi mai che là non esistono un vera destra e una vera sinistra”.
    Mi era sfuggita questa ultima affermazione: perché, secondo chi scrive, qua esistono una vera destra e una vera sinistra ? Tutto bene ?

  • luciano

    Che ha detto di male ? alle donne piacciono quelli con i soldi..