Commenta

Prove di coesione per
le minoranze in Consiglio
Stasera riunione alla Lega

Opposizione, avanti tutta. Tra gli obiettivi di breve periodo, la sfiducia nei confronti delle due assessore Manfredini. Alessia, per una gestione sbagliata, a dire della minoranza, della raccolta differenziata. Barbara, per via della partita sul commercio cittadino, che ha messo muro contro muro Ascom e amministrazione comunale. Non è la prima volta che tutta l’opposizione di trova attorno ad un tavolo, ma negli altri casi era il tavolo di un ristorante. Ora l’evento ha il quid dell’ufficialità che è sempre mancato. Stasera alle 21 nella sede della Lega Nord di via Erizzo, Forza Italia, Nuovo Centrodestra, Fratelli d’Italia, Movimento Cinque Stelle (altro particolare di rilievo la sua presenza) e naturalmente il Carroccio si ritrovano per studiare una politica comune anti giunta. Il riscatto di metà mandato, si potrebbe definire, considerando che il centrodestra in consiglio si è dimostrato in questi due anni e mezzo assai sfilacciato e spesso ha votato in ordine sparso mostrando poca coesione.

Una incisività, per dirla con le parole dell’alfaniano Federico Fasani, che “da oggi dovrà contraddistinguere la nostra azione politica, soprattutto in sala Quadri, guardando con favore l’esperienza in regione Lombardia e dopo la vittoria al referendum che ha bocciato la riforma costituzionale”. La convocazione dell’incontro è stata diramata via sms dal consigliere Marcello Ventura. Un incontro – quello tra le forze politiche di opposizione – che deve diventare “un appuntamento di routine”. Il risanamento di Aem è un altro tema in agenda stasera. Dopo la decisione del Consiglio di stato che sulla valutazione economica dell’ex municipalizzata redatta dall’advisor Albion ha ribadito la sentenza sfavorevole del Tar in merito al relativo affidamento.
Simone Bacchetta

© Riproduzione riservata
Commenti