Commenta

Crema, East Lombardy
Incontro con i ristoratori
del territorio

Dopo l’incontro avvenuto una settimana fa a Cremona, oggi pomeriggio nuovo appuntamento, questa volta a Crema, nella Sala Cremonesi del Centro Culturale S. Agostino, con i ristoratori del territorio nell’ambito del progetto East Lombardy, European Region of Gastronomy, riconoscimento ottenuto grazie al sostegno dei Comuni e alle Camere di Commercio di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova e alla Regione Lombardia.

Presenti l’Assessore al Turismo del Comune di Cremona, Barbara Manfredini, Morena Saltini, Assessore alle Attività produttive del Comune di Crema, Maria Grazia Cappelli, Segretario generale della Camera di Commercio di Cremona, e Roberta Garibaldi, Direttore scientifico East Lombardy- Regione Europea della Gastronomia 2017, sono state illustrate e condivise le attività in fase di programmazione, da parte del Comune di Cremona e del Comune di Crema, insieme agli altri partner del progetto, da attuare nel corso di quest’anno.

East Lombardy, come è stato sottolineato, rappresenta un’opportunità di valorizzazione turistica per tutte le attività commerciali ed in particolare per quelle a carattere alimentare e gastronomico. In tale contesto i ristoranti e operatori di settore, con il loro saper fare, la loro creatività, la passione e l’esperienza che li connota, rivestono un ruolo di primo piano per la promozione di prodotti DOP, IGP e tradizionali. Su queste basi sono stati fattivamente coinvolti ed invitati ad essere protagonisti all’interno di questo progetto innovativo come veicolo di rilancio turistico dell’intero territorio.

Un utile confronto, anche sul piano informativo ed organizzativo, in vista dell’evento del 6 marzo prossimo. In quella data, a Milano, nell’ambito della tredicesima edizione del congresso promosso da Identità Golose, avverrà il lancio ufficiale di East Lombardy 2017: insieme di iniziative ed eventi che si protrarrà per un intero anno ma che, come modello di collaborazione e di sviluppo del turismo food tra le quattro province della Lombardia Orientale, è destinato a proseguire nel futuro.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti