Spettacolo
Commenta

La soap Beautiful rimedia alla gaffe di un anno fa: 'Grana Padano? Perfezione'

Un prodotto del nostro territorio nella soap opera Beautiful? Il Grana Padano torna protagonista, questa volta però se ne parla bene. IL VIDEOSERVIZIO

Un prodotto del nostro territorio nella soap opera Beautiful? Il Grana Padano torna protagonista, questa volta però se ne parla bene. L’anno scorso infatti, ad aprile, era stata trasmessa su Canale 5 una puntata in cui si mettevano a confronto il Grana Padano e il Parmigiano Reggiano. Charlie, che aveva sbagliato nell’acquisto, mandava a monte la preparazione di una cena perchè al supermercato aveva comprato il Grana al posto del più pregiato, a sua detta, Parmigiano. Il Consorzio di tutela del Grana Padano (quello vero) aveva reagito parlando di pubblicità denigratoria, e aveva deciso di procedere per vie legali.
Ma a distanza di un anno, ecco il rimedio. Nella puntata in onda ieri pomeriggio, sempre su Canale 5, erano in corso i preparativi per la cena della festa del Ringraziamento. Brooke, una delle protagoniste indiscusse della soap, viene tenuta lontana dalla cucina in quanto incapace ai fornelli, ma Charlie le affida una missione: tenere lontano da mani indiscrete proprio il Grana Padano.
“Custodiscilo come un tesoro. Questo non è un formaggio qualsiasi, questo è Grana Padano. O come mi piace chiamarlo Perfezione. Stagionato lentamente molti mesi, è una prelibatezza. Ne vado pazzo. Assaggialo”. Brooke, dal canto suo, addenta un pezzetto di Grana e si lascia andare ad espressioni di apprezzamento: “E’ straordinario!” commenta.
Un elogio così smaccato da risultare quasi innaturale, soprattutto se si considera che un anno fa lo stesso personaggio (Charlie) si rifiutava di usarlo per le sue preparazioni. Ma forzata o no che sia, quelli di Beautiful sono riusciti a mettere una pezza all’incidente in cui erano incappati un anno fa. Forse, a questo punto, il Consorzio di tutela potrà ritenersi soddisfatto di una pubblicità gratuita trasmessa in tutto il mondo.

Giovanni Rossi

© Riproduzione riservata
Commenti