Politica
Commenta5

Delegazione cremonese per l'assemblea costituente del movimento di Anna Falcone

Anna Falcone

Nel vasto panorama politico della sinistra si inserisce anche il nuovo movimento promosso da Anna Falcone e Tomaso Montanari, che vivrà la sua assemblea nazionale di lancio domenica 18 giugno al teatro Brancaccio di Roma. Una delegazione partirà anche da Cremona, costituita da noti esponenti della sinistra sociale, da Gigi Rossetti a Giampietro Carotti, da Gianmario Confortini a Laura Rossi.

“Accogliamo con grande interesse e attiva motivazione – affermano –  la proposta lanciata oggi da Anna Falcone e Tomaso Montanari, figure innovative di alto profilo culturale e di forte indipendenza politica, protagonisti della grande battaglia vittoriosa dei comitati per il No alla contro-riforma Renzi-Boschi e per la difesa e l’attuazione della Costituzione.
Un’ ‘alleanza popolare per la democrazia e l’eguaglianza’ che nasca per animare la causa intransigente dei diritti e della dignità del lavoro, della promozione delle culture e del sapere critico, dei diritti sociali e di un welfare universale, delle differenze di genere e delle libertà civili, dell’accoglienza e della convivenza interetnica, della condivisione e della solidarietà, dei beni comuni e dei servizi pubblici, della riconversione umana ed ecologica dell’economia, della rigenerazione ambientale e della riqualificazione del paesaggio, della nonviolenza e della cooperazione, dei diritti umani per tutti gli individui e della pace nella giustizia per tutti i popoli.
E dunque, una Sinistra di tutte e di tutti, che si ponga in alternativa al Pd e alle altre vecchie forze fallimentari della fu-socialdemocrazia europea, che muova dalla critica radicale e definitiva del vecchio centrosinistra subalterno al paradigma neoliberale e artefice delle politiche monetariste e di austerità degli ultimi venti anni, dalle grandi privatizzazioni allo smantellamento dello stato sociale, dal Trattato di Maastricht al Fiscal Compact, dalle guerre “umanitarie” all’obbligo del pareggio di bilancio, fino alle ultime controriforme renziane dal Jobs Act alla Malascuola, dallo Sblocca Italia alla Controriforma Boschi, dalla illegittima difesa ai dispositivi Minniti-Orlando contro migranti e marginali, allo scippo referendario con la truffa dei nuovi voucher”.

I PROMOTORI:

Diego Antonioli, volontario movimento per la pace
Massimo Bondioli, volontario comunità di accoglienza
Giampiero Carotti, attivista movimento beni comuni
Monia Castelli, attivista sindacale precari e migranti
Gianmario Confortini, volontario sport solidale
Cosetta Erinaldi, attivista sindacale territoriale
Gigi Rossetti, attivista di reti e movimenti sociali
Laura Rossi, promotrice economia biologica solidale
Guido Vaudetto, attivista movimenti ambientalisti

© Riproduzione riservata
Commenti