Commenta

Consiglio comunale, Everet:
'Conduzione non corretta,
approfondiremo'

Lettera scritta da Giorgio Everet, consigliere Forza Italia

Egregio direttore,

riferimento al vostro articolo di ieri dove si parla del nervosismo della maggioranza per la mancanza del numero legale di consiglieri presenti per approvare l’immediata esecutività, vorrei precisare che a inizio consiglio io avevo due interrogazioni da trattare ma mi sono sentito dire dalla presidente che all’ufficio della presidenza, dove naturalmente la presidente ha la maggioranza, avevano deciso di unirle. Ma le è sfuggito un passaggio, e cioè che in quella seduta non era presente il capogruppo di Forza Italia per motivi personali e non si è preoccupata di interpellare il diretto interessato, cioè il sottoscritto.
Io immediatamente ho chiesto al segretario generale se per regolamento tutto questo si poteva fare, perché non ero d’accordo, e dopo un breve scambio di opinioni tra la presidente e il segretario, la prima è stata costretta a separare le mie due interrogazioni. Già questo fatto aveva creato un clima caldo; se poi aggiungiamo quanto è avvenuto dopo, ecco che il clima è diventato bollente.
Il mio scatto fotografico l’ha infastidita; sono convinto di non essere nel torto e comunque avremo il tempo per controllare se è proibito o no fotografare la Giunta mentre svolge il suo compito in consiglio comunale. Se risulterà così, come afferma la presidente, vorrà dire che userò le fotografie che la stampa espone. La sostanza non cambia.
Di sicuro credo che la presidente del consiglio con l’atteggiamento che ha avuto sia uscita fuori dal suo compito istituzionale, cosa che sicuramente approfondiremo.

© Riproduzione riservata
Commenti