Commenta

Serata Lions: alle forze
dell'ordine consegnati i
premi 'Sicurezza è libertà'

Il tema della sicurezza è stato al centro dell’incontro conviviale di ieri sera organizzato dal Lions Club Cremona Europea e dal suo presidente Antonio Brunelli e svoltosi alla cascina Moreni, la struttura dell’omonima Fondazione destinata a servizi alle famiglie e ai disabili. Nel corso della serata, alla quale hanno partecipato le autorità cittadine e i rappresentanti delle forze dell’ordine, sono stati consegnati i riconoscimenti della quarta edizione del premio “Sicurezza è libertà”, un premio ideato dal socio Lions Club Cremona Europea ed ex poliziotto Carmine Scotti. Un evento “dedicato alla premiazione di donne e uomini che ogni giorno, indossando la divisa, proteggono i cittadini con la loro azione”. Nel suo discorso di introduzione, Scotti ha sottolineato che “il bisogno di sicurezza è fondamentale per tutte le persone e in tutti i contesti. Ogni individuo ha diritto alla sua vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona. La sicurezza è un investimento e non un costo, è un diritto irrinunciabile, e i diritti non si tagliano, si difendono e possibilmente si potenziano. Gli operatori di giustizia oggi ci permettono di vivere con una certa tranquillità e sicurezza per il fatto di essere costantemente, pur con penuria di organico, di mezzi e di risorse, primo e concreto baluardo per la libertà dell’individuo e garanzia di sicurezza contro ogni e qualsiasi offensiva”. “Dalla lotta al crimine e all’evasione fiscale”, ha concluso Carmine Scotti, “dalla sicurezza stradale al contrasto al terrorismo sia interno che internazionale, l’azione delle forze di polizia ci consente di vivere meglio, di sentirci protetti e di guardare avanti con fiducia”.

I premiati

Il prefetto Paola Picciafuochi. In qualità di massimo rappresentante del Governo nella Provincia, ha racchiuso nella sua carica istituzionale, impegno e spirito di servizio. Ella ha saputo dare ed interpretare l’esempio della concretezza, dell’efficienza e della risolutezza della pubblica amministrazione. Nel momento di maggiore difficoltà per l’arrivo sul territorio cremonese di tantissimi cittadini extracomunitari, ha saputo trovare loro una dignitosa collocazione ed ha svolto un costante ruolo di sostegno per quelle comunità straniere anche riguardo alla possibilità di una loro futura integrazione.

Nello Danilo Vicidomini, medico principale della polizia di Stato. Il 2 febbraio scorso, libero dal servizio, ha saputo la notizia di un’adolescente che si era allontanata da casa con l’ intento di mettere in atto gesti autolesionisti. Si è quindi attivato per le ricerche e ha rintracciato la ragazza nei presi della stazione ferroviaria, convincendola a sottoporsi alle cure e ad essere accompagnata dal 118 al pronto soccorso.

Marco Lucarelli, appuntato scelto del comando provinciale carabinieri di Cremona. Il 5 aprile del 2017 a Pandino ha salvato un uomo già privo di sensi che si era impiccato, scongiurando così più gravi conseguenze.

Carlo Luisi, luogotenente della guardia di finanza. Per aver fornito determinante apporto personale nell’esecuzione di numerose e complesse indagini di polizia giudiziaria e di polizia economica e finanziaria nei confronti di estorsione aggravata e trasferimento fraudolento di valori in Italia e all’estero

Onofrio Mattaliano, agente scelto di polizia penitenziaria

Davide Regonati, ispettore del comando provinciale dei vigili del fuoco

Fernando Bozzetti, agente scelto della polizia locale della Provincia di Cremona

Claudio Graziani, assistente scelto della polizia locale del Comune di Cremona, per le innumerevoli attività di indagine svolte in materia di polizia ambientale, sanitaria ed edilizia che hanno concretizzato in molto casi, profili di reato comunicati all’autorità giudiziaria.

Premiati anche due soci del club, Giancarlo Mancabelli e Vincenzo Siliprandi.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti