Commenta

L'attentato alla CdL, la difesa:
'Dichiarazioni frutto di mera
interpretazione personale'

L’avvocato Simona Bozuffi

“Il nostro assistito ha appreso stamane delle dichiarazioni rese alla Vostra testata giornalistica dal Sig. Coccoli. Tutto ciò che costui ha dichiarato è frutto di mera interpretazione personale, al segno che la Magistratura ha ritenuto opportuno notificare anche a lui l’avviso di conclusione delle indagini preliminari prodromico alla fissazione del processo”. E’ la dichiarazione resa dagli avvocati Simona Bozuffi e Paolo Mirri, difensori del giovane di 22 anni che risulta indagato insieme all’amico 19enne con le accuse in concorso di danneggiamento seguito da incendio continuato per i danni arrecati nel dicembre del 2016 a ‘La Centrale del Latte’: secondo l’accusa, i due avevano piazzato un ordigno incendiario alla centralina elettrica del locale di via Nazario Sauro. Indagato anche Luca Coccoli, 29 anni, dj ed organizzatore di eventi, che ieri ha dichiarato di non c’entrare nulla nella vicenda. “Appena sono venuto a sapere di quello che stava succedendo”, aveva spiegato, “ho avvertito, tramite un amico, Luciano Zanchi, titolare del locale, e il suo socio Santo Canale, e questo è il ringraziamento”. Nella nota inviata in redazione, i difensori del 22enne hanno anche tenuto a sottolineare che “i procedimenti penali debbano essere necessariamente discussi nella loro sede naturale che è il Tribunale e non sui giornali.Tuteleremo il nostro assistito in ogni sede più opportuna”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti