3 Commenti

Colpo a casa dei Mandara
Ladri braccati grazie al 'fiuto'
dell'ex dirigente Gallozzi

L’ex funzionario della Questura di Cremona Vincenzo Gallozzi

La telefonata agli uomini della polizia marittima di Bari, la chiamata all’Interpol e il blitz in Albania. E’ l’intuizione che ha avuto l’ex dirigente della divisione di polizia amministrativa, sociale e dell’immigrazione della Questura di Cremona Vincenzo Gallozzi, da oggi a capo del Commissariato di Aversa, che ha permesso di identificare i malviventi, due albanesi, e di recuperare parte della refurtiva. Il furto è quello commesso nell’abitazione della famiglia Mandara, notissima a Cremona per essere la proprietaria della pizzeria Duomo. I Mandara abitano sopra la pizzeria, e proprio nella loro residenza, venerdì 27 luglio, in pieno giorno, i ladri sono riusciti ad introdursi per poi portarsi via denaro, gioielli e orologi per un valore complessivo di 50mila euro. Un furto mirato, senza ombra di segni di scasso, commesso con destrezza e a colpo sicuro, tipico di chi sa esattamente come e dove colpire. I derubati, che durante il furto erano al lavoro, hanno subito sporto denuncia presso i carabinieri che dunque avevano in corso le indagini. I Mandara, che avevano sospetti su alcuni lavoratori edili, avevano raccontato l’accaduto anche a Vincenzo Gallozzi, che conoscono personalmente, e questi, intuendo quali potessero essere le mosse degli autori del furto, si è attivato con una serie di telefonate e di contatti, coinvolgendo la polizia marittima di Bari e l’Interpol. Dopodichè, da parte delle forze dell’ordine locali, c’è stato il blitz in Albania, dove i responsabili, due persone che si erano imbarcate a Bari con un furgone, sono state fermate e parte del bottino è stata recuperata. Le indagini non sono finite.

Sara Pizzorni

 

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • MENCIA

    ogni tanto fa piacere che la refurtiva viene recuperata

  • Mirko

    Ma tò

  • Mario Rossi SV

    Altri che ci pagano la pensione.