Un commento

Da Cr a Soncino in auto storica:
'Occasione straordinaria'
Adessi: 'Sogno il rally in città'

Sono una trentina le auto che l’Automobile Club di Cremona si attende al via della prima edizione del percorso turistico – culturale ‘Ruote nella Storia’ che partirà domenica 9 settembre da Cremona in direzione Soncino. La maggior parte delle auto saranno degli anni ’70, ma non mancheranno mezzi più datati. In ogni caso, sottolineano gli organizzatori, è ancora possibile iscriversi, nonostante Leonardo Adessi, presidente della sezione cremonese, sottolinei: “L’obiettivo non è fare numeri, non è una competizione agonistica, ma qualcosa di diverso: una manifestazione a carattere turistico-culturale”. “L’evento – prosegue Adessi – darà la possibilità di mettere in evidenza le bellezze della nostra città, ma anche di un borgo come Soncino”. La manifestazione è stata infatti realizzata grazie alla collaborazione di Aci Storico e l’associazione ‘Borghi d’Italia’ che mira appunto a far conoscere luoghi preziosi ma lontani dal palcoscenico delle grandi città promuovendo una quindicina di percorsi simili a quello tra Cremona e Soncino. “E’ un percorso – ammette Barbara Manfredini, Assessore alla Città Vivibile e alla Rigenerazione Urbana – che valorizza il territorio, partendo dalla città per arrivare ad uno dei borghi più ricchi della nostra provincia: è un’occasione straordinaria. Anche la scelta della location per la partenza (via Boccaccino, nda) è uno dei luoghi magici della piazza, affacciandosi sugli abisdi del Duomo”. Parenza prevista per le ore 10, arrivo a Soncino verso 12.30/13.00 con pranzo presso il ristorante ‘La Cantina’, poi visita culturale e rientro in città previsto per le 18.00 (leggi qui: Domenica 9 settembre parte da Cremona il percorso ‘Ruote nella storia’).

Adessi, dopo aver ringraziato il Comune, precisa che “Aci storico non è solo un’associazione cui iscriversi per avere delle agevolazioni, ma prima di tutto permette di far parte di un contesto fatto di appassionati”. Per farne parte “non è necessario possedere un’auto d’epoca” (altro appuntamento, quello con auto e moto d’epoca, in calendario per fine ottobre, nda), ma è sufficiente “essere appassionati”. Il presidente sottolinea poi il legame tra auto storiche e cultura: “Abbiamo notato che gli appassionati d’auto, in genere condividono e coltivano le stesse passioni anche culturali”. Non manca, prima dei ringraziamenti del Direttore Angelo Centola al Comune di Soncino e ai collaboratori Paolo Mercenaro e Nino Salvalaggio, infine un pensiero su un’attività agonistica attualmente sospesa, ma non accontanata del tutto: “Rimane uno dei nostri obiettivo e d’altronde, con questo consiglio, non poteva che essere così. Con i lavori per la nuova sede, in questo momento non abbiamo le risorse economiche ed umane per mettere in strada iniziative di natura sportiva, ma il mio sogno è quello di riportare il rally in città: ricordo quando il prestigioso rally di Montecarlo passava da Cremona e aveva il controllo orario proprio in via Massarotti dove potevamo ammirare macchine e piloti leggendari come ad esempio la Lancia Fulvia e Sandro Munari e Juha Kankkunen”.

mt

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Midnight

    Panem et circenses.