2 Commenti

Cremonese, a Benevento
tante assenze e prima
sconfitta stagionale: ko 2-1

Benevento – Cremonese 2-1
BENEVENTO (4-3-3): Puggioni; Gyamfi, Volta, Billong, Leitiza (19’ Di Chiara); Tello, Viola, Bandinelli; Insigne (58’ Ricci), Coda, Buonaiuto (77’ Improta). A disposizione: Montipò, Gori, Antei, Costa, Sparadeo, Goddard, Nocerino, Volpicelli, Asencio. All. Bucchi.
CREMONESE (4-3-3): Radunovic; Mogos, Claiton, Kresic, Migliore; Arini, Castagnetti (77’ Boultam), Croce (39’ Greco); Carretta (56’ Strefezza), Brighenti, Castrovilli. A disposizione: Ramaglia, Volpe, Marconi, Del Fabro, Renzetti, Spaviero. All. Mandorlini.
ARBITRO: Di Paolo di Avezzano.
RETI: 16’ Coda (B), 36’ Insigne (B), 8’ st Migliore (C).
AMMONITI: Volta (B), Billong (B)l Tello (B), Bandinelli (B), Arini (C), Carretta (C), Greco (C), Strefezza (C).

Arriva a Benevento la prima sconfitta in campionato della Cremonese in una giornata in cui Andrea Mandorlini deve rinunciare a cinque giocatori oltre al lungo degente Adriano Montalto. Eppure i girigiorossi illudono con una buona partenza in cui se la giocano alla pari e a viso aperto con i padroni di casa. Doppia occasione per l’ex Massimo Coda (Radunovic attento due volte) per i campani, risposte di Castrovilli (alto) e Mogos dalla linea di fondo (Puggioni di piede). Al quarto d’ora la gara, però, cambia: contropiede giallorosso a liberare ancora Coda, bravo a defilarsi sull’esterno con continuità per sfuggire alla marcatura del diretto avversario, che punta Migliore e a giro dal vertice destro dell’area batte l’estremo difensore grigiorosso. La Cremonese accusa il colpo e il Benevento sfiora subito il raddoppio sfruttando ancora il lavoro prezioso di Coda che si defila (questa volta a sinistra) e mette al centro per Insigne che sfiora il palo. L’asse tra i due, però, va solo perfezionato con l’ex di turno che imbuca in verticale per Insigne, bravo a infilarsi nel mezzo spazio tra Migliore e Kresic e a battere Radunovic in uscita. La squadra di Mandorlini esce con un altro piglio dagli spogliatoi e accorcia subito le distanze con Migliore: Castagnetti dallo spazio intermedio di destra serve Brighenti che, spalle alla porta al limite dell’area, scarica sul numero 17 che da fuori infila un incolpevole Puggioni. I girigiorossi sono più intraprendenti rispetto al primo tempo, ma faticano a trovare occasioni pulite e rischiano di subire il colpo del ko quando la punizione di Coda colpisce il palo interno ed esce dopo aver attraversato tutto lo specchio della porta.

mtaino

© Riproduzione riservata
Commenti
  • MENCIA

    grande Vanoli basket vittoria a bologna

  • Mario Rossi SV

    Certo che lo stadio rinnovato sarebbe uno spreco in Legapro