9 Commenti

Mortale a Costa Sant'Abramo
Perde la vita l'imprenditore
Antonio Sambusseti, 51 anni

Investimento mortale a Castelverde, in località Costa Sant’Abramo in via San Predengo: un ciclista di 51 anni, Antonio Sambusseti, imprenditore cremonese, è stato travolto da un’auto oggi pomeriggio poco dopo le 16. Sul posto sono intervenuti i medici del 118 che hanno tentato in tutti i modi di salvargli la vita, ma purtroppo per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Dei rilievi si sono occupati gli agenti della polizia stradale di Pizzighettone. L’auto investitrice, una Volkswagen Tiguan, era condotta da una donna. L’uomo, che viaggiava nella stessa direzione della macchina, è stato letteralmente travolto e caricato sul parabrezza mentre stava per svoltare sulla sinistra. Troppo gravi le ferite riportate nell’impatto. Il 51enne, socio e amministratore delegato della Cavel S.r.l., azienda produttrice di cavi elettrici, abita in zona. Quando è stato investito stava rientrando a casa. Via San Predengo è stata temporaneamente chiusa per dar modo ai poliziotti di effettuare gli accertamenti. Da valutare con esattezza la dinamica e se l’auto procedesse o meno nei limiti di velocità.

Sara Pizzorni 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Simone

    Io valuterei inoltre se la signora non stesse al telefono e, visto che ormai le nuove auto hanno una marea di sensori che rilavano altre vetture, ciclisti e pedoni, se erano attivi nel caso fossero montati e se la signora avesse dato retta a detti segnali

    • Matteo

      Io valuterei anche se il ciclista indossava come prescritto dal CDS (art.68 se non erro) il giubbotto catarifrangente e se la bici aveva sia le luci accese che i catarifrangenti previsti per legge, cosa che a Cremona non si vede mai. Dwetto questo R.I.P., una vita è sempre una vita.

      • Graziano Ansaldi

        Art. 182, comma 9 bis .

  • Snoopy

    Il gilet rifrangente è previsto dal CdS, solo nelle ore notturne, sulle strade extraurbane e nelle gallerie, cittadine e non. Alle ore 16 non c’è bisogno nè di luci nè di gilet. Alle 16 è consigliabile una maggiore attenzione alla guida e, meglio ancora, una velocità consona alla strada che si sta percorrendo. Si può guidare, volendo, anche ad una velocità inferiore a quella prevista dalla segnaletica se le condizioni della strada non sono ottimali (intendo larghezza, manto stradale dissestato…).

    • Graziano Ansaldi

      Il gilet rifrangente si usa quando si esce da una vettura per sistemare il triangolo, è solo per conducenti di autoveicoli . Sono esclusi velocipedi e motocicli. Non facciamo confusione.

    • Graziano Ansaldi

      Se questo poveretto è stato letteralmente caricato sul parabrezza, immagina te a che velocità poteva andare il SUV !!

  • Illuminatus

    Mi dispiace per il ciclista, davvero, e anche per la sua famiglia. Ma da qui ad affermare per partito preso che ha torto unicamente l’automobilsta, no. Questo va dimostrato prima di affermato.

    • Snoopy

      Se ti riferisci a me, forse hai frainteso. Ad ogni modo anche dare torto ad ogni ciclista per partito preso direi che non è corretto, soprattutto quando non si sa come sono andate veramente le cose, non trovi?

      • Illuminatus

        Assolutamente, hai perfettamente ragione.