Commenta

Studenti dello Stanga
vincitori di un concorso
indetto da Anac e Miur

Accolti in Comune gli studenti della classe II B dell’Istituto di Istruzione Superiore “Stanga” vincitori, per la sezione fotografie con un lavoro dal titolo Stai al gioco: rispetta le regole, della seconda edizione del concorso “Whistleblower: un esempio di cittadinanza attiva e responsabile”, indetto lo scorso anno scolastico dall’Anac (Autorità Nazionale Anticorruzione) e dal Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca). Obiettivo del concorso era promuovere tra le giovani generazioni l’approfondimento dei temi della legalità, della corresponsabilità e della figura del whistleblower (nome inglese della persona che segnala le condotte illecite che avvengono all’interno del proprio posto di lavoro nell’interesse della collettività).

I ragazzi, accompagnati dalla docente Elisabetta Cabrini, sono stati ricevuti in Sala Quadri dall’Assessore alla Trasparenza e Vivibilità Sociale Rosita Viola e dalla Presidente del Consiglio Simona Pasquali. L’Assessore Viola, dopo essersi congratulata per l’impegno e il risultato conseguito con il progetto su un tema non semplice da trattare, ha consegnato agli studenti quaderni e matite del progetto “La voce che rompe il silenzio”. A sua volta la Presidente del Consiglio comunale ha coinvolto i ragazzi spiegando quali sono le funzioni dell’organo da lei presieduto ed il ruolo dei consiglieri. Al termine, dopo la visita alle sale di rappresentanza di Palazzo Comunale, i ragazzi hanno incontrato il Sindaco Gianluca Galimberti, che si è complimentato con loro per il premio conseguito nell’ambito di un concorso di rilevante impegno civile.

© Riproduzione riservata
Commenti