Commenta

Padania Acque, nasce
la rete dei laboratori
di Water Alliance

Nasce la Rete dei Laboratori, il primo network che unisce il know how, le strumentazioni e le best practice di tutti i laboratori di analisi dei gestori del servizio idrico integrato di Water Alliance – Acque di Lombardia.Le otto aziende pubbliche di Water Alliance – Acque di Lombardia (Gruppo CAP, Brianzacque, Lario Reti Holding, Padania Acque, Pavia Acque, Uniacque, SAL e Secam) proseguono il percorso di innovazione e condivisione delle competenze nel settore, sottoscrivendo la ‘Convenzione di Rete sui Laboratori di Analisi’, che va nella direzione di ottimizzare la gestione e le prestazioni dei servizi di analisi del patrimonio idrico.

L’iniziativa dei gestori lombardi, che forniscono i servizi di gestione acquedotto, depurazione e fognatura di 800 comuni per un totale di quasi 6 milioni di abitanti, consentirà di “accrescere la propria capacità innovativa, scientifica e tecnologica, sia sotto il profilo individuale che collettivo, attraverso lo scambio delle analisi e la condivisione di strumentazioni d’eccellenza e di competenze”. Non solo: secondo quanto riferisce Padania Acque, consentirà anche la possibilità di razionalizzare i costi e portare nel lungo termine vantaggi economici per tutte le aziende coinvolte.

Il responsabile del Laboratorio analisi di Padania Acque e coordinatore della rete dei Laboratori di Water Alliance, Paolo Vicentini, ha commentato così la nascita di questa importante sinergia tra le aziende pubbliche dell’idrico lombarde: “Il laboratorio di Padania Acque, che ogni anno analizza circa duecento mila parametri a monitoraggio di tutto il ciclo idrico della provincia di Cremona, ha contribuito in maniera determinante alla creazione della rete, consolidando un percorso di collaborazione e confronto con i colleghi delle altre aziende iniziato in seno a Confservizi Lombardia nei primi anni ‘90. Il riconoscimento di tale impegno è stato elemento determinante nell’assegnare al nostro laboratorio il coordinamento della rete per il biennio 2019-2020. La “Convenzione di Rete sui Laboratori di Analisi” comporta numerosi vantaggi tecnici, economici ma soprattutto porterà innovazione tecnologica e sinergie professionali”.

La Rete dei Laboratori, secondo quanto illustra Padania Acque, erogherà servizi e prestazioni a ciascun ‘Laboratorio di Rete’ che ne faccia richiesta, con l’obiettivo di:

• Accrescere la capacità gestionale, la capacità innovativa e l’ottimizzazione nella gestione delle analisi in laboratori;
• Condividere lo sviluppo e la diffusione di innovazione tecnologica e di processo nella gestione della fase dei controlli delle acque;
• Sviluppare metodologie analitiche in grado di affrontare efficacemente la problematica dei contaminanti emergenti nelle acque potabili e reflue;
• Valorizzare e mettere a disposizione competenze tecniche, know how e risorse – anche umane – di cui dispongono le aziende pubbliche di Water Alliance;
• Perseguire una strategia flessibile, attraverso lo sviluppo congiunto di iniziative negli ambiti della ricerca, utilizzando le migliori pratiche e le eccellenze, patrimonio delle aziende in rete;
• Aumentare il potere contrattuale nel mercato degli approvvigionamenti.

© Riproduzione riservata
Commenti