Commenta

Con il caldo torna l'allarme
zanzara tigre, Cremona tra
le province più infestate

Cremona è una delle province con maggiore presenza della zanzara tigre, un fenomeno che, seppur con un pò di ritardo è tornato a farsi sentire, complici l’afa e le temperature in aumento di questi giorni. La mappa delle province più infestate dal temuto insetto emerge dall’elaborazione di Anticimex, azienda internazionale.

Nella settimana dal 25 al 31 luglio saranno 87 le province più invase, con un indice di infestazione di livello alto e medio-alto, in una scala di intensità da 0 a 4. In Lombardia, le zanzare tigre faranno la loro comparsa, manifestandosi maggiormente, oltre a Cremona, anche a Bergamo, Brescia, Como, Lodi, Milano, Monza-Brianza, Pavia e Varese, colpendo anche Lecco e in maniera inferiore Mantova. Attraversando l’Italia, l’allarme più alto si concentrerà in Liguria su tutte le province, così come in Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo, Basilicata, Umbria, Marche e Puglia, interamente prese d’assalto. Nel Lazio spiccano Roma, Frosinone e Latina.

Ma quali sono i consigli per difendersi e limitare la presenza delle zanzare?. “Nelle abitazioni con giardini o aree verdi, le nuove tecnologie possono aiutare sensibilmente i cittadini a difendersi dalle zanzare – afferma Valeria Paradiso, Responsabile Tecnico di Anticimex Italia –. Attraverso sistemi di disinfestazione automatica si possono programmare giorni e orari di intervento, nebulizzando prodotti specifici o repellenti al 100% naturali nei momenti più idonei ed in assoluta autonomia. Ma per bloccarne la diffusione all’origine è essenziale agire sul fattore prevenzione, con la collaborazione attiva delle amministrazioni comunali e condominiali, che devono pianificare, insieme a esperti del settore, interventi mirati e continuativi almeno da marzo a tutto ottobre. Ma altrettanto importante è il ruolo dei cittadini, fondamentale per tenere in ordine le aree private ed evitare i ristagni d’acqua”.

A Cremona è attiva fin dal 15 maggio scorso (e lo sarà fino al 31 ottobre) l’ordinanza del sindaco che prescrive obblighi ben precisi ai soggetti pubblici e privati per evitare in particolare i ristagni d’acqua. Leggi qui: https://www.comune.cremona.it/node/488744.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti