Commenta

Caso di West Nile in città
Disinfestazione straordinaria
in via 20 Settembre

AGGIORNAMENTO – Sarebbe una donna che avrebbe contratto il virus a Cremona, quindi non in seguito di un viaggio all’estero, la persona contagiata dal virus West Nile per cui è stata disposta dall’Ats a disinfestazione straordinaria in via 20 settembre domani, 2 settembre.

La Direzione del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria dell’ATS Val Padana, nel pomeriggio di venerdì 31 agosto, ha informato il Comune che in città è presente un caso sintomatico di persona affetta da West Nile Virus (trasmessa principalmente da zanzara del genere Culex). Si tratta di un residente di  via XX Settembre a Cremona e anche se il contagio potrebbe essere avvenuto altrove, il protocollo di emergenza sanitaria prevede che il  sindaco, a scopo preventivo, disponga l’attivazione delle procedure di disinfestazione straordinaria in un raggio di 200 metri dal luogo presunto d’infezione.

Le operazioni, che saranno attuate dalla Saneco, avverranno lunedì 3 settembre, tra le 6 e le 12, in via 20 Settembre, e consistono in un trattamento adulticida su suolo pubblico e privato (porta a porta), in un trattamento larvicida nei potenziali focolai inamovibili, nella rimozione dei potenziali focolai larvali (sottovasi, bidoni, pneumatici, ecc.).

Ai residenti nel raggio di intervento, nella giornata di domani, domenica 2 settembre, gli agenti della Polizia Locale comunicheranno, con appositi avvisi, tempi e modalità dei trattamenti, e saranno distribuite le brochure sulle misure da adottare per prevenire il contatto con l’insetto. La Saneco provvederà ad interventi mirati anche nelle aree verdi, tombini e punti sensibili delle zone limitrofe a via 20 Settembre. Nei giorni successivi, in collaborazione con l’ATS, saranno messe in atto tutte le azioni di monitoraggio previste dai protocolli operativi.

Tutta l’operazione sarà coordinata dal Comando della Polizia Locale e dall’Ufficio Ecologia del Comune. Per informazioni ci si può rivolgere al numero della Centrale operativa della Polizia Locale: 0372.454516.

La West Nile Disease (WND) è una malattia trasmessa dalla puntura di zanzare soprattutto quelle appartenenti al genere Culex. Il ciclo naturale del virus prevede il passaggio dell’agente patogeno dalla zanzare ad un elevato numero di specie di uccelli selvatici. Il virus può infettare diverse specie, tra cui mammiferi, uccelli e rettili. Tra i mammiferi l’uomo e il cavallo possono manifestare dei sintomi clinici. In particolare la maggior parte delle infezioni nell’uomo decorre in modo asintomatico.

Circa il il 20% dei soggetti sviluppa una malattia sistema febbrile (febbre di West Nile). In una percentuale ridotta dei casi la malattia si manifesta con una malattia a carattere neuro-invasivo quale l’encefalite, la meningo-encefalite o paralisi flaccida. Nell’ultimo decennio a livello internazionale e nazionale si è assistito ad un aumento dei casi di WND sia importati sia autoctoni.

I dati sulla situazione epidemiologica sono consultabili sul sito del ECDC che redige dei bollettini periodici con l’aggiornamento dei casi nell’uomo in Europa e sulla pagina diEpicentro, portale a cura dell’Istituto Superiore di Sanità dedicata alla WND.

In Lombardia tra l’altro è attiva la sorveglianza su uccelli, equidi e sulle zanzare. Per approfondimenti relativamente alla sorveglianza veterinaria è possibile consultare la pagina dedicata WND sul sito dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna (IZSLER).

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti