Un commento

Invasione di zanzare, eppure
il Comune aveva stanziato 25
mila euro tra luglio e agosto

(foto Sessa)

AGGIORNAMENTO – Portata a termine senza problemi la disinfestazione straordinaria in via XX Settembre e aree limitrofe, messa in atto dalle 6 di questa mattina dalla Polizia municipale seguendo le procedure previste dai protocolli operativi di ATS Val Padana, a seguito della segnalazione di un caso sintomatico di persona affetta da West Nile Virus (trasmessa principalmente da zanzara del genere Culex) residente nella zona dove si è svolta l’operazione. Al lavoro, due squadre della ditta Saneco Disinfestazione e Servizi Ambientali S.r.l., ciascuna accompagnata da un agente della Polizia Locale, presente il Vice Comandante Roberto Ferrari. Dapprima sono intervenuti  nelle aree pubbliche (strade, marciapiedi, aree verdi, giardini scolastici) e a seguire nelle abitazioni private dove la presenza della Polizia Locale e la fattiva collaborazione dei residenti ha facilitato le operazioni.

Il tema dell’invasione di zanzare nelle aree verdi pubbliche era stato sollevato, insieme ad altre problematiche, dai presidenti di 10 comitati di quartiere, in una richiesta di incontro con l’amministrazione comunale dello scorso maggio. Ad inizio agosto il Comune aveva avviato una campagna di disinfestazione stanziando 15mila euro, destinati alle aree pubbliche di Giardini Pubblici, Cavatigozzi, aree verdi di S. Ambrogio, oltre che ai quartieri Cambonino, Incrociatello, Migliaro, Borgo Loreto, Cascinetto-Giuseppina, San Felice e San Savino.
Anche in questi casi, come sta avvenendo ora in via 20 settembre, i lavori erano stati affidati alla ditta Saneco, con l’imperativo di completare con urgenza la disinfestazione – si leggeva nella determina che stanziava i fondi – “sull’intero territorio comunale con riferimento in particolare alle aree verdi” soprattutto “considerando anche il perdurare delle condizioni atmosferiche che hanno portato ad una consistente proliferazione di questi insetti”.
L’azione del Comune si era resa necessaria dopo che il sistema di monitoraggio e sorveglianza dell’infestazione di zanzara tigre condotto dai Dipartimenti di Prevenzione Medici e Veterinari dell’ Ats aveva mostrato anche a luglio, la presenza significativa di zanzare.
Proprio nel mese di luglio il Comune aveva già provveduto a disinfestare le zone di  Picenengo, Boschetto, Maristella, Bagnara e quartiere Po per un importo di 8.296 euro.

Nell’incontro con i presidenti dei quartieri l’assessore all’Ambiente Alessia Manfredini aveva anche ricordato l’ordinanza di giugno del sindaco con la quale venivano indicate le linee di prevenzione che ciascun cittadino deve mettere in atto (evitare i ristagni d’acqua, utilizzare larvicidi per rimuovere focolai larvali, essenzialmente). Nella stessa ordinanza si parla anche di sanzioni pecuniarie.

Dopo l’intervento di questa mattina, la Saneco provvederà poi ad interventi mirati anche nelle aree verdi, tombini e punti sensibili delle zone limitrofe alla via interessata. Nei prossimi giorni, infine, in collaborazione con l’ATS, verranno messe in atto tutte le azioni di monitoraggio previste dai protocolli operativi. Tutta l’operazione è coordinata dal Comando della Polizia Locale e dall’Ufficio Ecologia del Comune: per informazioni ci si può rivolgere al numero della Centrale operativa della Polizia Locale (0372.454516).

Fotoservizio Francesco Sessa

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mario Rossi SV

    25mila euro per la disinfestazione delle zanzare in una cittá come Cremona é una bazzecola.