Un commento

Casalinga di Vescovato simula
smarrimento Postamat per
giustificare perdita al videopoker

Casalinga con la passione per il gioco d’azzardo. Ma a una 59enne di Vescovato non è riuscito il trucco di fingere  lo smarrimento  della tessera Postamat per giustificare in famiglia la sparizione di 640 euro dal conto corrente. La donna è stata denunciata per simulazione di reato dai Carabineri, in quanto era andata a denunciare lo smarrimento della carta, da cui ignoti – a suo dire – avevano prelevato la cospicua somma  in distinte operazioni in diversi sportelli. La donna forniva anche l’indicazione dei luoghi da cui sarebbero stati effettuati i prelievi, ma le immagini delle telecamere visionate dai militari, smentivano la sua ricostruzione. E’ stato così appurato che lei stessa aveva prelevato la somma presso un unico ufficio postale e l’aveva subito dopo spesa al videopoker del bar da lei frequentato abitualmente.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Marco

    Ah, se solo fosse stata rumena, saremmo in doppia cifra di commenti.