Commenta

Dall'11 al 13 ottobre torna
il Festival Internazionale
di Cinema e Diritti Umani

Dall’11 al 13 ottobre al Teatro Monteverdi torna a Cremona il Festival Internazionale di Cinema e Diritti Umani, arrivato alla terza edizione. Il Festival, organizzato da Alac – Associazione Latinoamericana di Cremona, è uno spazio “condiviso volto a rafforzare l’impegno e l’attivismo sociale attraverso l’arte cinematografica”, fanno sapare dall’Alac. “Crediamo in un cinema attivo, impegnato, che vuole interpellare gli spettatori: un cinema che sia strumento di trasformazione sociale, oltre che culturale e artistica” afferma Sol Capasso, Direttrice Artistica del Festival, che continua: “Il nostro obiettivo è quello di sdoganare i diritti umani e il cinema indipendente che troppo spesso viene visto come cinema di nicchia, rivolto solo ad ‘intellettuali’ e ‘critici cinematografici’. Il nostro vuole essere un Festival plurale, aperto a tutti”. Inoltre, per cercare di incontrare i gusti di un pubblico sempre più vasto, si spazierà tra tutti i generi cinematografici: dalla commedia al thriller, al documentario, fino all’animazione.

I temi di questa edizione sono lavoro, pace e guerra, patrimonio culturale e diritti dell’infanzia. Una sezione a sè sarà quella Fuori Competizione, durante la quale verranno proiettati alcuni film che non rientrano nelle categorie sopra citate ma che si sono distinti per qualità e quindi ritenuti altrettanto meritevoli di essere trasmessi. 400 film candidati, provenienti da 38 paesi, 18 quelli selezionati, oltre 100 premi ricevuti: questi sono alcuni dei numeri del Festival Internazionale di Cinema e Diritti Umani, che ogni anno cresce per quantità e qualità della programmazione proposta. La selezione è stata curata dalla casa di produzione cremonese Camarada Films, che si occupa di produzione audiovisiva e musicale in tutto il territorio italiano.  Il Festival rivolge un’attenzione particolare alla cooperazione con le scuole del territorio. Durante la settimana ci saranno proiezioni dedicate alle scuole e la possibilità per i docenti di avviare un percorso condiviso per la realizzazione di laboratori audiovisivi con i propri allievi.

Oltre al cinema ci saranno altre proposte:
– PREMIAZIONE “Cremona, città della musica e della liuteria” alla migliore colonna sonora. Consiste in un’opera scultorea realizzata dal maestro liutaio Martin Gabbani.

– CANTO LIBRE: INTERVENTO MUSICALE DI CHIUSURA. A cura di: Lorenzo Colace / Luciana Elizondo / Giulia Gavi / Alberto Gazzina / Achille Meazzi / Amanda Roberts / Edwyn Roberts

– PROGETTO CINEMA E RADIO. Seminario a cura di Barbara Sorrentini (Giornalista di cinema e cultura, autrice e conduttrice presso Radio Popolare). Lunedì 7/10 dalle 9.00 alle 13.00, evento riservato agli allievi del Liceo Artistico di Cremona.

– STAY HUMAN – RESTIAMO UMANI. A 8 ANNI DALLA SCOMPARSA DI VITTORIO ARRIGONI. Proiezione della reading movie e conversazione con gli autori Fulvio Renzi / Luca Incorvaia, con la partecipazione di Massimo Arrigoni, recitazione.

– LAVORO, PRECARIETÀ E FRAMMENTAZIONE DELLA CLASSE OPERAIA – PROSPETTIVE DELLA RESISTENZA AL NEOLIBERISMO. Conferenza a cura di Jorge Luis Elizondo, Avv. e prof. di Diritto del Lavoro e Sicurezza Sociale UNR Argentina.
L’inaugurazione del Festival si terrà venerdì 11 ottobre alle ore 21:00 presso il Teatro Monteverdi. Saranno presenti Rodolfo Bona – Assessore alle Politiche della Partecipazione, Attenzione alle Piccole Cose e Verde e Luca Burgazzi – Assessore ai Sistemi Culturali, Giovani, Politiche della Legalità.

IL PROGRAMMA COMPLETO

© Riproduzione riservata
Commenti