7 Commenti

Legambiente: 'Alberi tagliati
in via Sesto prima ancora
che variante fosse definitiva'

Come annunciato in mattinata, proprio mentre in via Sesto venivano tagliati gli alberi all’angolo con via Artigiani, Legambiente Cremona (circolo Vedi verde), prende posizione e puntualizza tutta una serie di circostanze che mettono in cattiva luce l’intervento. “L’area – scrive Giovanna Perrotta, del direttivo locale – è oggetto di una variante al vigente PGT per la trasformazione da aree a verde pubblico ad area edificabile. Su tale variante Legambiente ha presentato osservazioni sia in fase di VAS (Ufficio Protocollo di Cremona 26/08/2019) che successivamente nei confronti dell’adozione della variante urbanistica stessa, per chiedere un ripensamento o almeno introdurre norme migliorative (Ufficio Protocollo di Cremona 18/11/2019).

Le osservazioni presentate da Legambiente sono molto puntuali e articolate e richiamano il Comune a riflettere su un principio fondamentale: le aree a verde alberato vanno tutelate e incrementate in quanto bene comune, mentre eventuali variazioni devono essere ampiamente programmate e discusse nel massimo della trasparenza e partecipazione. C’era tempo per presentare le osservazioni fino al 2 dicembre (oggi è il 4 dicembre), queste sarebbero dovute essere valutate e controdedotte dagli uffici comunali e tornare quindi in Consiglio comunale per l’approvazione definitiva della variante. A questo punto si sarebbe potuto procedere con l’approvazione del progetto edilizio presentato dal confinante per l’ampliamento dell’area industriale e, se le piante fossero state di ostacolo, procedere, riteniamo a cura e spese del richiedente, con l’abbattimento e con le piantumazioni sostitutive. Per inciso la variante avrebbe potuto prevedere una specifica fascia in cui ripiantare immediatamente attorno all’ampliamento industriale e non una compensazione a dieci chilometri di distanza.

Vogliamo essere molto chiari: il punto non è relativo al fatto che legittimamente il Comune modifichi il PGT conseguentemente all’assegnazione di un’area a verde pubblico a un privato che necessita di ampliare l’azienda, a parte notare che questa assegnazione è avvenuta prima ancora di dar corso alla variante al PGT. Il punto non è neppure che questa variante avrebbe potuto contenere previsioni migliorative che invece ha negato.

Il punto è che, nello spregio più assoluto per l’opinione di chi opera nell’interesse comune, in questo caso le osservazioni presentate da Legambiente ma i compiti a cui è chiamato il Consiglio comunale, l’Amministrazione non ha tenuto conto delle osservazioni e non ha nemmeno aspettato l’approvazione definitiva della Variante al PGT, forse dando per scontato il passaggio burocratico.

Qui la burocrazia c’entra poco: quello che è avvenuto di fatto, cioè il taglio di un rigoglioso bosco pubblico pagato dai contribuenti e avvenuto nelle more di una variante ancora imperfetta, sembrerebbe davvero un’operazione muscolare che parrebbe strizzare l’occhio a chi forse dei passaggi normativi non ha una grande considerazione e li reputa lacci e laccioli al liberismo imprenditoriale”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Piero

    E’ l’ultima moda rossa: sovrastare le prerogative del Consiglio Comunale (o del Parlamento).

  • Roberto

    Quanto blaterare x tre alberi in zona artigianale. Ma create nuove aree protette in zone più appropriate!

    • Gemelli

      Si vede che Lei non abita in zona, guarda solo il suo orticello.

    • Abiff

      Con l’aria che ci troviamo a Cremona, abbiamo bisogno di tutto il verde possibile. Non per qualche ideologia stramba, ma per respirare.

  • ciclo-pe

    Perchè
    mai le aree artigianali non dovrebbero essere dotate di aree verdi visto che le prevede la legge urbanistica? Anzi, è proprio in queste aree dove maggiore può essere l’impatto ambientale che servono aree verdi di rispetto. Li c’è gente che ci vive e ci lavora. Assurdo mettere in contrapposizione aree verdi urbane con altre zone tutelate: è ovvio che ci vogliono entrambe. L’area in questione, comunque, figura nella Rete ecologica locale, cioè un sistema di aree portatrici di biodiversità prevista dagli strumenti di pianificazione territoriale per garantire la continuità ecologica.

  • Roberto

    Intorno c’è solo campagna…se ne individui una limitrofa e si ripiantumi. Non date lezioni sui corridoi e reti ecologiche, xché bisognerebbe valutare come sono state posizionate sulla carta…meglio sorvolare.

    • Abiff

      Hanno promesso di ripiantumare…a Bagnara.