Politica
Commenta

Il Tar rimanda a settembre il giudizio nel merito sui ricorsi della Lega contro Signoroni

I giudici amministrativi hanno fissato per settembre 2020 l’udienza di merito sui tre ricorsi presentati dalla Lega per Salvini contro l’elezione di Mirko Signoroni alla presidenza della Provincia. Oggi si è svolta a Brescia l’udienza che vedeva unificati tre ricorsi simili promossi dal partito. Nei prossimi giorni è attesa però una decisione in merito all’eventuale sospensione degli atti e dei provvedimenti assunti dalla presidenza della Provincia nel periodo intercorso tra il 25 agosto, data della proclamazione a presidente di Signoroni e il 3 ottobre, quando si dimise dopo che erano stati sollevati dubbi sulla sua eleggibilità in quanto vicepresidente dell’Ato.

Finora l’unica pronuncia giuridica riguardante questo caso che si protrae ormai dall’estate scorsa è quella del giudice ordinario del tribunale di Cremona, in merito alla ineleggibilità di Signoroni. Quanto però alla validità degli atti amministrativi emessi durante il suo mandato, il Tribunale aveva demandato il tutto al Tar.

© Riproduzione riservata
Commenti