Ultim'ora
Commenta

Contributo imprese e P. Iva,
in prov. di Cr erogati 13milioni
Meno solo a Sondrio e Lodi

Sono 4.294 i soggetti, tra persone fisiche (2.517) e non (1.777), ad aver beneficiato in provincia di Cremona fino ad ora del Contributo a fondo perduto previsto dal Dl Rilancio varato dal Governo. In totale, i contributi erogati per imprese e partite IVA cremonesi, ammontano a oltre 13milioni di euro (13.337.246 euro). In totale, il numero di domande pervenute all’Agenzia delle Entrate nella nostra provincia ammonta a 6.155, per 6.079 soggetti tra persone fisiche (3.611) e non (2.468).

I contributi erogati nel territorio cremonese, in ogni caso, rappresentano il terzo importo più basso in Lombardia: solo a Sondrio e Lodi ne sono stati erogati meno. Anche a livello di domande raccolte (penultima) e numero di soggetti che hanno ricevuto il contributo (terzultima), la nostra provincia rimane in fondo alla classifica lombarda. A rivelarlo sono proprio i dati diffusi dalla stessa Agenzia delle Entrate lombarda.

L’Agenzia sottolinea come in Regione siano state 207.200 le richieste di accesso al contributo a fondo perduto presentate dai contribuenti della Lombardia dal 15 giugno, data dell’apertura del canale. 148.976 domande sono state evase e le somme già accreditate dall’Agenzia delle Entrate nei conti correnti di imprese, commercianti e artigiani, per un totale di poco più di 564 milioni di euro erogati (564.020.659).

In Lombardia sono stati poco più di 204.000 i soggetti che hanno presentato domanda: 126.426 sono contribuenti persone fisiche, mentre 97.645 sono persone non fisiche. La maggior parte delle istanze presentate fanno capo alla provincia di Milano con 64.324 richieste e un contributo erogato pari a oltre 193 milioni di euro (193.323.655). Seguono poi le province di Brescia con 32.112 domande e 91milioni di euro, Bergamo con 26.505 domande e oltre 66 milioni erogati, Monza e Brianza con 18.000 istanze e 46 milioni di importo, Varese (16.644 e quasi 43 milioni) e Como (12.890 istanze e 37 milioni).

In ogni caso c’è ancora tempo per inoltrare la richiesta. La domanda, infatti, può essere presentata fino al 24 agosto. Per predisporre e trasmettere l’istanza, si può usare un software e il canale telematico Entratel/Fisconline o una specifica procedura web nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi. Il contribuente può anche avvalersi degli intermediari che ha già delegato al suo Cassetto fiscale o al servizio di Consultazione delle fatture elettroniche.

© Riproduzione riservata
Commenti